Tra le tante cessioni, il Napoli rimane una botte di ferro. La strategia di De Laurentiis è quella giusta?

Il Napoli continua con la sua linea di pensiero.

La parola “cessioni” ha sempre spaventato i tifosi del mondo del calcio. Nonostante ormai spesso si dica che questo mondo è fatto solo di denaro e “mercenari”, è davvero difficile non affezionarsi ai giocatori. Vendere serve però anche ai club per incassare e costruire al meglio la rosa. Questa però non sembra la strategia del Napoli di De Laurentiis.

“Ha ceduto Higuain, Lavezzi e Cavani” direte voi. Ed invece no. I tre avevano una clausola rescissoria che escludeva ogni azione degli azzurri. Queste cessioni non sono paragonabili a quelle di Salah e Manolas della Roma. Alex Sandro della Juventus o Perisic dell’Inter. Questi ultimi sono stati ceduti o comunque sono sul piede di partenza per motivi diversi.

Anche le grandi squadre, di fronte a cifre monstre, decidono di cedere ed incassare. Con quei soldi si prova sempre a trovare sostituti all’altezza e rinforzare la rosa. Tutto ciò viene fatto però al buio, sperando nella buona riuscita. Da molti anni invece, il Napoli blinda i suoi gioielli e cede soltanto riserve o calciatori poco funzionali.

Questa idea di mercato è senza dubbio la più efficiente per quanto riguarda i risultati sportivi. Un po’ meno sui bilanci che, in questo modo, vengono rimpinguati solo con vittorie sul campo. I partenopei sono però sempre all’attivo nei conti. Ciò significa che il metodo De Laurentiis è davvero efficace.

Le clausole rescissorie non sono poi così male…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.