Bonetto a ZC: “Rende la scelta migliore, questa è la piazza ideale per i giovani. Modesto tecnico preparato, con il Potenza sarà una sfida tosta”

Mattia Bonetto ha dimostrato di avere un grande talento e sicuramente la piazza di Rende potrà essere l’ambiente ideale per esaltare le sue indiscusse qualità.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Mattia Bonetto, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla scelta Rende, sul campionato e su tanto altro.

La scelta – “Il Rende già mi cercava ad inizio stagione, e dopo il mercato della Reggina in questa sessione invernale, dove sono arrivati profili importanti e di categoria superiore, ho deciso di rimettermi in gioco in una piazza che mi ha sempre dimostrato fiducia ed è abile nella crescita dei giovani.”

Giovani – “E’ una società seria che ha dimostrato in questi anni di puntare su prospetti dal grande potenziale. Un grande esempio è stata l’operazione Minelli che grazie anche al Rende ha potuto raggiungere la massima serie.”

Modesto – “Già me ne avevano parlato bene, mi ha fatto subito una grande impressione. E’ tecnico davvero preparato e competente, un vero motivatore.”

Obiettivi – “Dobbiamo raggiungere il prima possibile la salvezza, ma abbiamo tutte le carte in regola per raggiungere i play-off.”

Prestazioni – “Le prestazioni non sono mai mancate, purtroppo non riusciamo a capitalizzare il grande lavoro che produciamo in campo come è capitato contro la capolista Juve Stabia, con la quale abbiamo perso solo al 50′ del secondo tempo. Dobbiamo ritornare a fare punti e soprattutto vogliamo il prima possibile ottenere una bella vittoria.”

Potenza – “Sarà una sfida molto complicata, affronteremo una delle squadre più toste del girone. Abbiamo tutte le qualità per fare una grande partita.”

Migliorarsi – “Spero di giocare con più continuità, voglio aumentare il livello delle mie prestazioni, migliorandomi partita dopo partita.”

Il campionato – “E’ realmente un girone avvincente, non darei ancora per scontata la vittoria finale della Juve Stabia, mancano ancora tante partite, e compagini come Catanzaro e Trapani potrebbero avere delle occasioni per avvicinare i campani.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.