Aniello Martone a ZC: “Castaldo potrebbe alzare l’asticella della Casertana, ho un appuntamento con il Lecce per Turchetta. D’Agostino è un presidente ambizioso”

Iniziare non è mai facile ma il nuovo progetto della Casertana è stato affidato alle sapienti mani e alla professionalità di un grande direttore sportivo come Aniello Martone, che insieme al presidente D’Agostino ha tutte le intenzioni di costruire una splendida realtà che possa diventare gradualmente un punto di riferimento e un modello per l’intero movimento.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Aniello Martone, direttore sportivo della Casertana, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sugli obiettivi futuri della Casertana, sul mercato e su tanto altro.

Castaldo – “Già l’anno scorso lo volevo, ma era fortemente legato ai colori dell’Avellino. Mi sono trovato a parlare con il suo procuratore e mi farebbe piacere averlo prima per il professionista che rappresenta, con Castaldo si potrebbe alzare l’asticella, intorno verrebbe creato un progetto serio e duraturo.”

Capitolo portieri – “Mai trattato Crispino, ho parlato con Forte e con il suo procuratore e bisogna interfacciarsi con il Rende, attendiamo una risposta, ma non ci faremo trovare impreparati.”

Allenatori – “Ho avuto colloqui con cinque-sei allenatori, ed hanno tutti destato ottime sensazioni, tra una decina di giorni avremo un responso.”

D’Angelo –  “Abbiamo creato un buon rapporto e con noi ha fatto bene, ha deciso di intraprendere una nuova strada. Va ringraziato per il lavoro compiuto e allo stesso tempo D’Angelo sarà sicuramente grato alla Casertana.”

Turchetta – “Ho un appuntamento con il direttore Meluso per una chiacchierata, sappiamo che è un ragazzo ambizioso come del resto lo siamo in noi.”

Alfageme – “Per il momento è un giocatore Casertana, valuteremo dopo le vacanze, ci sederemo intorno ad un tavolo e valuteremo insieme il da farsi.”

Presidente – “Il presidente è ambizioso e vuole alzare l’asticella, dobbiamo guardare stagione dopo stagione, cercando di migliorarci sul campo e fuori.”

Seconde squadre – “Non condivido, purtroppo va rispettata, preferisco la vecchia Serie C. Non bisogna negare il professionismo a determinate piazze.”

Serie C e risorse – “Purtroppo in Serie C, si deve lavorare sui giovani e sulla tifoseria, cercando di creare delle risorse. Santoro è un profilo importante che cercheremo di fare crescere…”

ZonaCalcio ringrazia Aniello Martone e l’Area Comunicazione Casertana per la cortesia e disponibilità. Riproduzione riservata: l’intervista può essere riprodotta integralmente o parzialmente su autorizzazione della Direzione di ZonaCalcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.