Aniello Martone a ZC: “Forte che professionista, Turchetta di categoria superiore. Santoro parte del progetto Casertana. Con il Rende vogliamo un risultato positivo”

Iniziare non è mai facile ma il nuovo progetto della Casertana è stato affidato alle sapienti mani e alla professionalità di un grande direttore sportivo come Aniello Martone, che insieme al presidente D’Agostino ha tutte le intenzioni di costruire una splendida realtà che possa diventare gradualmente un punto di riferimento e un modello per l’intero movimento.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Aniello Martone, direttore sportivo della Casertana, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla voglia della squadra di raggiungere i play-off, sulla prossima sfida che vedrà di fronte la Casertana contro il Rende, sull’importanza di far crescere i propri giovani e su tanto altro.

Forte – “Francesco ha fatto una grande scelta quando ha deciso di passare alla Casertana in questa sessione invernale, lasciando il Rende che si trovava al quarto posto ed in piena lotta play-off, abbracciando il nostro progetto. Indubbie sono le qualità umane di questo ragazzo, che si ambientato immediatamente con il resto della squadra, facendo subito gruppo, un professionista esemplare che reputo uno dei migliori portieri in circolazione. E’ arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Rende e cercheremo di fare quello che è necessario per confermarlo nella nostra rosa.”

Santoro – “Fa molto piacere vedere un ragazzo del nostro vivaio imporsi nel calcio che conta, un classe ’99 che si è ben comportato in una zona nevralgica del campo. Parliamo di un talento del grande potenziale che deve continuare su questa strada, ma in generale è nella nostra politica cercare di portare i nostri ragazzi in prima squadra, rendendoli realmente protagonisti nel progetto Casertana, questa è la nostra aspirazione più grande.”

Pinna – “Per Pinna vale lo stesso discorso fatto per Forte, anche questo ragazzo ha lasciato il Siracusa con la prospettiva di giocare i play-off, per fare parte del nostro progetto, e ciò dimostra il valore del ragazzo prima che del calciatore. Parliamo di un calciatore dal grande spessore, molto forte in fase di spinta, abile nei cross e che concede di essere pericolosi con il suo mancino anche sui calci piazzati. E’ arrivato nel momento giusto visto l’infortunio che ha colpito Galli, un altro giovane che stava mostrando il suo grande valore.”

Progetto – “Il progetto che abbiamo intrapreso è votato a crescere esponenzialmente negli anni. In particolare vogliamo creare  un grande vivaio che possa essere una valida risorsa per la squadra e per la società. Vogliamo allestire una rosa composta da tanti giovani di prospettiva affiancati da un gruppo di over, che possa permettere a questi talenti di crescere e di dare equilibrio e la qualità alla nostra compagine. Il presidente D’Agostino sta producendo un grande sforzo economico, il nostro obiettivo è di gestire il budget a disposizione rafforzando la prima squadra, il settore giovanile e le nostre strutture.”

Turchetta-“È un giocatore di categoria superiore. Può far parte della rosa di una squadra di Serie B che lotta per obiettivi diversi dalla mera salvezza. Ha corsa, dribbling nello stretto, abile nell’uno contro uno, assist a ripetizione per i compagni. Un atleta completo che, se in giornata, diventa devastante. Unica pecca, se cosi possiamo chiamarla, deve acquisire la convinzione di essere decisivo. Se capisse sul serio quanto è forte, diventerebbe ancora più determinante”

Rende-Casertana-“Ricordando la partita d’andata, un pareggio spigoloso, noi venivamo da un periodo negativo, e giocammo con un po’ di pressione, loro invece erano euforici per l’inizio di stagione molto convincente, ma riuscimmo comunque a portare a casa un punto fondamentale. Ora andremo a Rende molto più tranquilli, metteremo in campo le nostre qualità per raggiungere i play-off. Raggiungere questa competizione per la seconda stagione consecutiva è motivo d’orgoglio ed un premio per la società, lo staff ed i tifosi. Sono sicuro che contro il Rende i nostri atleti daranno tutto loro stessi per portare a casa un risultato positivo”

Colpi di mercato -“Forte sicuramente è stato un bel colpo ma anche Turchetta a fine mercato, proprio l’ultimo giorno utile, una vera soddisfazione. La riconferma di Rainone, l’arrivo di Polak, Alfageme. Insomma ogni trattativa  ha un gusto particolare. Nell’arco di un anno cambiare 18 giocatori non è semplice, chiaro che possono anche capitare errori di valutazione. Vendere Carriero al Parma, è stato allo stesso tempo un grande dispiacere ma anche un motivo di vanto, il segno che si sta lavorando nella maniera giusta”

D’Angelo -“Il mister è una persona straordinaria. Per il discorso di lanciare giovani promettenti, lui è d’accordo al 100%. Già ad Andria giocava con un giovanissimo Cianci. Stiamo parlando di rinnovo, nel mentre bisogna restare concentrati per finire bene la stagione”

Dedica -“Vorrei ringraziare il Presidente D’Agostino insieme alla mia famiglia. Meritano una particolare menzione in tal senso i miei genitori, mia moglie e i miei figli, che mi sono stati sempre vicini, sopportandomi e infondendomi quella forza necessaria per superare qualsiasi avversità.”

La redazione di Zonacalcio ringrazia Aniello Martone e l’Area Comunicazione Casertana per la cortesia e disponibilità. L’intervista può essere riprodotta, parzialmente o integralmente, solo su autorizzazione della Direzione di ZonaCalcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.