Colomba a ZC: “Napoli, si è sentita la mancanza di Albiol. Avellino, mi auguro con tutto il cuore una risalita”

Il Mister Franco Colomba è stato ospite telefonico della trasmissione ZonaCalcio in onda il venerdì su Stereo5 TV. Ecco le sue parole ai nostri microfoni sulla situazione attuale del Napoli e non solo.

“L’anno di Ancelotti – Il Napoli fino ad un certo punto è stato in corsa per insidiare la Juventus e dal momento in cui questo non è stato più possibile ha allentato la tensione mentale, questo fa sì che le partite non si affrontino sempre nel migliore dei modi, perdendo ulteriormente terreno. Non è una cosa positiva, ma comprensibile visto che alla fine il secondo posto è stato conquistato. Ora l’attende un finale in cui la gente vuole vedere sicuramente qualcosa di meglio rispetto a quanto offerto nell’ultimo periodo. Ancelotti dovrà appellarsi alla professionalità di tutti e soprattutto dovrà vedere se chi ha giocato meno è all’altezza di esserci il prossimo anno o può essere oggetto di mercato. 

Mercato e futuro – Un ritorno di Zapata? Sarri “non lo vedeva” ma ha dimostrato di essere un signor giocatore. Sarri ha fatto benissimo a Napoli ma nel caso di Zapata potrebbe aver sbagliato. Credo che il Napoli possa aver avuto difficoltà quest’anno nel reparto arretrato e si sia sentita la mancanza di Albiol, senza di lui il Napoli non è la stessa squadra: fa giocare bene Koulibaly, guida gli esterni, l’importanza dei giocatori di qualità se si vuole puntare in alto è innegabile. Ci vogliono i fuoriclasse e Hamsik lo era. Ora non c’è più, per scelta sua, ma al Napoli è costata in fatto di personalità e leadership. I fuoriclasse fanno salire il rendimento degli altri giocatori ed è per questo che, persi Albiol e Hamsik, la squadra ha diminuito il suo spessore tecnico dietro ed in mezzo. Per restare ad alto livello a competere per il primo posto i giocatori cardine vanno sostituiti o inevitabilmente si lancia un messaggio di resa. La squadra percepisce tutto ciò e non reagisce come dovrebbe sentendosi non guidata in campo.

Centrocampo – Un vero metronomo come Jorginho non c’era quest’anno e la carenza si è sentita, il motivo per il quale ha cambiato modulo di gioco è che un regista vero non c’è. Ci potrebbe essere Diawara, ma non è in grado di prendere in mano la squadra come faceva Jorginho. Ancelotti ha puntato su Fabian e Zielinski sull’esterno i quali portati in mezzo hanno palesato difficoltà in fase di contenimento, credo che il modulo a 3 potesse far rendere al meglio questa squadra ma senza un vero perno di regia Ancelotti è stato costretto a modificare.

Avellino – Mi auguro con tutto il cuore una risalita dell’Avellino, è stata una pugnalata non vederlo nel calcio che conta, spero possa uscire e tornare il prima possibile almeno in Serie B. La piazza merita tutto questo.”

ZonaCalcio ringrazia Mister Colomba per la cortesia e disponibilità.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.