Dionigi a ZC: “Il Napoli non può perdere punti col Chievo. Rende e Vibonese due sorprese”

Davide Dionigi, tecnico attualmente senza panchina ma tra i più preparati e stimati della categoria, è intervenuto in esclusiva telefonica durante la trasmissione Zonacalcio in onda su Radio Stereo 5 Tv.

L’allenatore, con un passato da calciatore nel Napoli, tra le altre, ha parlato del suo passato azzurro e della prossima sfida degli uomini di Ancelotti, prima di concentrarsi sul girone C della Serie C e sul suo futuro.

Napoli, le reti più belle – “Uno dei più belli, anche se può sembrar banale dal punto di vista realizzativo in quanto parliamo di un rigore, è quello con la Triestina, che si giocava l’accesso ai playoff per la Serie A. Se il Napoli avesse perso quella gara sarebbe retrocesso sul campo. Eravamo nel finale di stagione, con un San Paolo gremito, e dopo esser andati in vantaggio per 1 a 0, subimmo il pareggio. Nei minuti finali ci viene assegnato un rigore dubbio, che pesava tantissimo in quanto avrebbe poi deciso le sorti della stagione. Questo è per me il goal più importante in azzurro. Poi ce ne sono altri stilisticamente più belli, come la semirovesciata con l’Ancona”.

Napoli-Chievo – “Il Napoli, ormai da varie stagioni, si è affermata come una grande squadra e non ritengo possibile che perdano punti scudetto con il Chievo. È vero che queste, dal punto di vista mentale, possono esser partite difficili ma, purtroppo, parliamo di una squadra in estrema difficoltà. Forse, più che temere i veneti in sé va temuto il cambio in panchina, con tutte le diatribe connesse alla situazione Ventura. Questo potrebbe accendere una scintilla tra i ragazzi di Di Carlo”.

Serie C, girone C – “Il Rende è una sorpresa, anche se parliamo di appena 12 partite che sono poche per giudicare una squadra. La Juve Stabia, invece, mi aspettavo di vederla messa bene, visto che già l’anno scorso ha fatto un campionato importante, anche se non pensavo di ritrovarla prima in classifica. Il Trapani, per l’estate vissuta, ci si aspettava un crollo ed invece sta facendo bene. Per campagne trasferimento, Catania, Casertana e Catanzaro dovrebbero contendersi le prime posizioni, ma è anche vero che la C è lunga e basta un filotto positivo per ritrovarsi d’avanti. Tra le sorprese, inoltre, ci aggiungerei anche la Vibonese che sta disputando un campionato simile a quello del Rende nella passata stagione, ed onestamente non mi sarei aspettato di ritrovarla lì, quindi faccio i miei complimenti ad Orlandi”.

Viterbese paga il ritardo – “Il problema è raggiungere il ritmo partita dopo un lungo periodo di inattività. La Viterbese, per organico, sarebbe potuta essere dov’è oggi la Juve Stabia, ma questa partenza in ritardo ha logicamente complicato le cose. Non è semplice affrontare squadre che hanno già 10/12 gare nelle gambe”.

Futuro – “Ho avuto un paio di proposte da alcune società con cui non si è raggiunto un accordo per svariati motivi. Lo slittamento del campionato ha danneggiato non solo le società ma anche i tecnici. Oggi c’è una moria di allenatori in quanto, con 6 gare al mese, è difficile preparare al meglio ogni gara. Spero comunque di tornare in pista al più presto”.

 

La redazione di Zonacalcio.net ringrazia il tecnico Davide Dionigi per la disponibilità e la cortesia.

Antonio Di Martino

Studente di Economia Aziendale, diplomato in ragioneria, con la passione per il calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.