Federico Nacci a ZC: “Paganese ambiente ideale per i giovani, De Sanzo è stato fondamentale per me. Scarpa il giocatore che mi ha impressionato”

Federico Nacci è uno dei tanti giovani che si è potuto mettere in mostra a Pagani, piazza che ha nel suo DNA la formazione e la crescita del talento, il ragazzo si è dimostrato all’altezza della categoria, contribuendo in maniera importante alla salvezza della Paganese.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Federico Nacci, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla sua stagione, sull’importanza di aver potuto mettersi in mostra a Pagani e su tanto altro.

Stagione – “E’ stata una stagione positiva visto che abbiamo raggiunto la salvezza, dal punto di vista personale ho raggiunto una certa continuità di prestazioni e di presenze, in un girone come quello meridionale davvero intenso e duro, dove devi dimostrare tanto carattere.”

Fondamentale – “De Sanzo è stato fondamentale nella mia crescita, mi ha trasmesso tanto, con lui parlavo tanto già quando era secondo, mi è sempre stato vicino. Sono stato fortunato ad incontrarlo e a ritrovarlo come tecnico della prima squadra.”

Paganese – “E’ una piazza che ti permette di esprimerti, a differenza di altre società, qui vi sono persone che lavorano magnificamente con i giovani ed è stato il motivo che mi ha spinto a venire qui.”

Play-out – “A livello personale sono state due sfide difficili, visto che la posta in palio per tutti era elevata. Sono partite che ti fortificano, e pertanto ci si deve arrivare al massimo sia dal punto di vista fisico che umano.”

Il giusto mix – “Tutti i “ragazzi vecchi” ci sono stati vicini, dando una grossa mano alla nostra formazione, si è creato un giusto mix tra i veterani e noi under.”

Modelli – “Mi sempre piaciuto Ozil, un grande mancino, con uno stile di gioco unico. Ma inoltre ti posso nominare Cutrone e Locatelli che sono fonte di ispirazione per dove sono arrivati.”

Futuro – “Per ora non so nulla, a Pagani mi sono trovato bene, ho incontrato delle persone magnifiche e un ambiente ideale, rientrerò a Pisa e poi valuteremo. In generale vorrei continuare a migliorare, trovando una piazza come Pagani,  che mi permetta di puntare ad alti traguardi.”

La partita – “L’esordio da titolare è stato magnifico, ho affrontato la Virtus Francavilla, fu un incontro molto duro e maschio, ma mi fece capire che potevo starci in questa categoria. Da quella partita lì è stato un crescendo di prestazioni.”

Impressionato – “Sicuramente ti faccio il nome di Lodi che ha calcato grandi palcoscenici e che con il suo sinistro può fare quello che vuole, ma mi ha davvero impressionato il mio compagno di squadra Ciccio Scarpa.”

ZonaCalcio ringrazia Federico Nacci e l’Area comunicazione Paganese per la cortesia e disponibilità. Riproduzione riservata: l’intervista può essere riprodotta integralmente o parzialmente su autorizzazione della Direzione di ZonaCalcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.