Piraino a ZC: “Viterbese-Casertana partita delicata, Saraniti ha sempre fatto gol. Il campionato di Petta inizia adesso, Sicula bella realtà”

Giuseppe Piraino è un agente che ha dimostrato la sua grande professionalità e le sue competenze creando nel corso degli anni di carriera rapporti che vanno oltre l’ambito puramente sportivo con i propri assistiti.

In esclusiva a ZonaCalcio, nel corso della trasmissione Stereo5tv, è intervenuto Giuseppe Piraino, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulle prospettive gare di Serie C e non solo.

“Viterbese-Casertana – E’ una partita sicuramente delicata, entrambe le squadre non possono commettere passi falsi, il gap con altre squadre potrebbe iniziare a livellarsi. La Casertana era partita con aspettative e adesso deve fare risultato, sarà una partita molto difficile. Per la Viterbese è una situazione davvero complessa, aspettare fermi il proprio destino ha inciso sulla condizione fisica dei calciatori. Sicuramente la squadra laziale non meritava determinati risultati ma ora bisogna recuperare l’abitudine al match ufficiale.

Saraniti – Con Saraniti mi sono ritrovato di fronte ad una situazione nuova, non mi era mai successo di dover tenere a bada calciatore che non sapesse in quale girone giocare, ho sentito quotidianamente il ragazzo, provando a rassicurarlo, ora bisogna mettersi al passo. Spero che possa ripetere il campionato dello scorso anno, finora avrebbe potuto fare già 4-5 marcature, se non fosse stato per la bravura degli avversari, lui comunque gol l’ha sempre fatto, mi aspetto che le cose vadano nel verso giusto e che possa far valere il suo peso anche a Viterbo, la società si aspetta molto da lui, come tutti.

Petta – Dopo il campionato scorso c’è stata la possibilità di fare il salto di categoria ma alcune proposte non si sono concretizzate, ma alla fine la scelta si era focalizzata su due squadre Sicula e Alessandria. Con la Leonzio c’è stata una trattativa molto rapida, il ragazzo era felice di rientrare in Sicilia dopo 6 anni e la decisione è stata presa anche sulla base della forte volontà del presidente e del direttore e della Sicula. Ha avuto un lieve infortunio muscolare lontano dai campi ma dovrebbe essere disponibile questa settimana, da sabato inizia il suo campionato e spero possa ripetere le prestazioni dell’anno scorso.”

Nazionale e la C – Riguardo alla nazionale, leggendo i nomi convocati, non farei questa tragedia. Vedo in rosa giocatori di talento, non regge il paragone col passato, la Serie B e la Serie C sono campionati formativi per i nuovi giovani: penso ad Insigne e a Zaza che sono passati dalla C. Mi auguro comunque che determinate proposte di riforma non vengano attuate, si vuole abbassare l’età media in Lega Pro ma io penso invece si debbano liberare le rose, se un ragazzo di 18 anni è bravo gioca a prescindere  dall’obbligo della società di schierarlo, bisognerebbe ampliare la lista da 14 over. I bravi giocatori alzano il livello dei campionati e un giovane con 22 elementi grandi, se emerge è perché è bravo. Se inseriamo giocatori solo per gli obblighi ci ritroveremo con un sacco di ragazzi che non hanno futuro nel calcio. La base deve essere la qualità, non l’età.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.