Gregorio Luperini a ZC: “Sono contento di far parte della Pistoiese, Indiani un maestro di vita”

Una delle realta più importanti del nostro movimento è sicuramente la Pistoiese, una società guidata da una dirigenza seria che vuole riportare alla luce i fasti di questo glorioso club, attraverso un progetto avvincente e la creazione di una rosa composta da un bilanciato mix di giovani di belle speranze e veterani dal sicuro affidamento. In esclusiva ai microfoni di ZonaCalcio.net è intervenuto Gregorio Luperini, centrocampista della Pistoiese, il quale si è soffermato sull’attuale andamento della sua squadra, sull’ambizioso progetto intrapreso dal club toscano e su tanti altri aspetti.

Numero due – “Sono contento delle due reti consecutive, ma speravo che l’ultima in ordine di tempo si sarebbe rivelata più importante ai fini del risultato.”

Soddisfatti – “Siamo una squadra molto unita, puntiamo sempre alla vittoria, ci sentiamo soddisfatti del cammino fino ad ora intrapreso, ma certamente siamo consapevoli che si può dare di più.”

Derby – “E’ squadra molto vivace, che gioca un buon calcio, che può contare su un giocatore davvero bravo come Ceccarelli. Dovremo stare attenti, dobbiamo giocare da Pistoiese, solo così potremo toglierci tante soddisfazioni a partire dalla prossima sfida.”

Pistoiese – “Parliamo di una società solida, una realtà che sta dimostrando il suo valore, portando avanti un progetto ambizioso, affidato ad un dirigenza seria ed oculata che sta creando una rosa di valore, composta da giocatori di proprietà; è evidente come queste persone ci tengano a questa maglia e a questa città. Sono contento di far parte di questa compagine e sono sempre stato convinto della scelta Pistoiese. Speriamo, noi calciatori, di essere in grado di meritarci la fiducia che il club ha riposto nei nostri confronti.”

La Sampdoria -“Ho trascorso quattro anni stupendi con la Sampdoria, tutto il periodo felice dell’adolescenza l’ho passato in maglia blucerchiata.”

La vecchia signora – “Si, è vero, Paratici mi ha voluto alla Juventus, mi ha sempre tenuto in considerazione sin dai tempi della Sampdoria, poi con il passaggio al Pontedera e la buona stagione realizzata con il club toscano, ha deciso di puntare su di me, permettendo il mio passaggio in bianconero.”

Indiani – “Con il Mister ho instaurato un rapporto vero e bello, nato sul campo. Sarò sempre grato a lui, lo ritengo un maestro non solo di calcio, mi ha fatto crescere in primis come uomo, i suoi rimproveri sono stati fondamentali nel mio percorso di vita.”

La nazionale – “Indossare la maglia della nazionale è sempre un onore, poter giocare con ragazzi come Rugani, Conti, Bernardeschi, Benassi e tanti altri è stata una soddisfazione, ma adesso però bisogna pensare solamente al presente…”

Il campionato – “E’ un campionato strano, molto livellato, bisogna fare più punti possibili, siamo molto carichi ed abbiamo la mentalità giusta.”

Due amici – “A Pontedera ho avuto il piacere di conoscere Caponi e Vettori, che mi hanno fatto capire cosa è realmente il calcio, li ringrazio per i loro insegnamenti, sono due amici e davvero belle persone.”

Il tecnico – “Mister Tufano in quei quattro anni alla Sampdoria ha tirato tutto da me, una persona stupenda, se lo vedo potrei commuovermi.”

Gli idoli – “Mi piaceva Gerrard, ma devo essere onesto: mi divertivo a vedere le giocate di Ronaldinho.”

Under e Over – “Una regola che penalizza molto una determinata fascia di calciatori (tra i 25 e 28 anni), perchè le società sono costrette a fare scelte oculate in merito agli over, puntando su giocatori di maggiore esperienza. Una regola che bisognerebbe modificare, mi dispiace per i tanti ragazzi che ritrovano a casa.”

Obiettivi della stagione – “Bisogna crescere come collettivo e come squadra, dando il massimo partita dopo partita, impegnandoci idealmente a vincere tutti i nostri prossimi incontri.”

Non fermarsi mai – “Sono fortemente convinto di dover migliorare, ho tanta strada ancora da percorrere.”

Zonacalcio ringrazia Gregorio Luperini e l’Area Comunicazione Pistoiese Calcio per la cortesia e la disponibilità. L’intervista, parziale o integrale, può essere riprodotta solo su autorizzazione della Direzione di Zonacalcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.