Zignani(dg Ravenna) a ZC: “C’è tanta tristezza, non ci sono le condizioni per scendere in campo. La sopravvivenza della C passa dalle riforme, è necessaria la cassa integrazione per i calciatori”

Il Ravenna Football Club è un esempio di virtù e di programmazione nel calcio professionistico, in esclusiva ai microfoni di ZonaCalcio.net, è intervenuto il Direttore Generale, Claudia Zignani, la quale si è soffermata sull’emergenza che sta colpendo il nostro Paese ed il calcio italiano, ecco quanto raccolto:

Tristezza – “Con tanta tristezza ed amarezza: tristezza per le sofferenze che sta generando, amarezza per i rischi che dovremo affrontare nel prossimo futuro, perché purtroppo tutto non sarà più come prima.”

Non ci sono le condizioni – “Personalmente credo che non ci siano le condizioni per poter scendere in campo per una questione etico – morale quanto per l’assoluta mancanza di garanzie per la salute dei giocatori, staff e accompagnatori.”

I danni dei club di C – “Sono danni enormi per un club: dobbiamo pensare ad un grande puzzle dove mese per mese si inserisce un tassello per poter finire il gioco poi all’improvviso, per cause non imputabili a nessuno, queste pedine vengono a mancare; la conseguenza è inequivocabilmente pesantissima: purtroppo dobbiamo fare i conti con l’azzeramento degli introiti degli ultimi tre mesi di campionato dei minutaggi; a ciò si aggiungano i fondati rischi legati alla disputa del prossimo campionato, dove gli effetti economici che graveranno sul sistema imprenditoriale in genere non potranno fare altro che ripercuotersi sull’intero movimento sportivo.”

Decurtazione degli stipendi e cassa integrazione – “Se parliamo in generale credo che sia giusto che tutto venga riparametrato perché quando ci risveglieremo da questo “incubo” tutto sarà diverso e quindi anche l’azienda calcio dovrà fare i conti con questa nuova realtà. Il discorso assume ancora più valenza per le categorie più basse. Le società non hanno più le risorse per fronteggiare i costi fissi dei contratti di soggetti che, peraltro senza colpe dirette, non offrono le concordate prestazioni lavorative: allora perché osteggiare tanto la cassa integrazione in deroga (vedi Aic) che servirebbe ad alleviare i problemi di una categoria di lavoratori che nulla hanno a che vedere con i super ingaggi delle Leghe maggiori.”

Scelte coraggiose – “Ritengo sia l’unica arma per consentire al mondo calcistico di sopravvivere dopo un evento tanto sconvolgente. Confido nella lungimiranza dei dirigenti attuali e nel loro senso di responsabilità: servono scelte coraggiose e ben definite.”

La sopravvivenza dei club di C -“La sopravvivenza di molti Club di C non dipende dal prosieguo o meno di questo campionato ma dai provvedimenti che saranno presi per tamponare l’emergenza attuale e futura.”

Provvedimenti e Riforme – “Tra i provvedimenti, di cui parlavamo prima, rientrano ovviamente anche le riforme delle attuali regole per iscrizione, mercato e controlli.”

Il divario fra le varie leghe – “Il divario c’era e si faceva finta di non vederlo: forse è il momento giusto per prenderne atto.”

Il betting può essere una risorsa – “Non riesco ad essere particolarmente entusiasta all’idea ma mi rendo conto che ogni risorsa finanziaria potrà divenire importante per poter proseguire.”

Si ringrazia per la cortese disponibilità il Ravenna FC e il direttore generale Claudia Zignani

FOTO credits Ravenna FC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.