L’allievo che vuole superare il maestro, ma Carletto non ci sta

Fino a 2 anni fa erano seduti insieme sulla panchina del Real Madrid, ora si trovano contro a giocarsi il passaggio alla semifinale di Champions. Carlo Ancelotti quasi sessantenne affronta al Bernabeu il suo allievo, Zidane, un predestinato sia in campo che in panchina, un leader per i suoi giocatori e un simbolo per i tifosi.

All’andata Zidane l’ha avuta meglio, ribaltando il risultato con una doppietta di Ronaldo, ma Ancelotti sa che il suo Bayern può giocarcela con chiunque è ovunque anche tra le mura nemiche. Nel 1-2 all’Allianz Arena i bavaresi hanno giocato gli ultimi 25 minuti di partita con uno in meno per espulsione e cosa più importante hanno giocato orfani della loro punta di diamante Lewandowski che a Mardid invece ci sarà e darà il massimo per i tedeschi.

Questa di Madrid si preannuncia come una delle sfiderà più belle di Champions, sia in campo che in panchina dove da un lato c’è il maestro e dall’altra allievo che mai come questa volta ha la possibilità di superarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.