Tottenham e non solo: un’estate di prestiti…alle banche

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha colpito quasi tutto il mondo e, nonostante la pandemia si sta (quasi) superando del tutto, la grave crisi economica che sta colpendo gran parte dei paesi tocca tutti gli ambiti. Uno di questi è sicuramente il calcio. Anche per quello che è uno degli sport più ricchi al mondo, la crisi si sta facendo e si farà sentire.

Valori dei giocatori dimezzati, stadi vuoti, inattività di tre mesi, sono solo alcuni dei fattori che hanno messo e metteranno in difficoltà le squadre. I ricavi saranno infatti molto ridotti rispetto ai tempi normali ed ognuno sta cercando di ovviare al problema come meglio può. Oltremanica il Tottenham avrebbe chiesto ed ottenuto un prestito di 175 milioni di sterline dalla Banca d’Inghilterra grazie al fondo Covid Corporate Financing Facility che mette a disposizione dei soldi per le imprese che contribuiscono significativamente all’economia inglese. Si è rivolto alla Banca d’America invece il Manchester United, chiedendo 140 milioni. Una mossa importante, finalizzata ad arginare i problemi economici.

Questi soldi però, non potranno essere utilizzati per acquistare i giocatori bensì per i costi strutturali e per non gravare sul bilancio. Il calciomercato dirà altro, molto altro. Sarà una sessione strana, sia per la durata (1 Settembre – 5 Ottobre) che per le condizioni. Come detto, molti se non tutti i valori dei giocatori sono diminuiti sensibilmente e le difficoltà economiche di quasi tutte le squadre ci impediranno di vedere colpi da 100/200 milioni, salvo rare eccezioni. Via libera quindi a prestiti (questa volta in termini di mercato e giocatori), scambi e colpi in prospettiva. Situazione economica che ha cambiato faccia al mondo del calcio, in attesa di vedere se anche i risultati sul campo avranno a che fare con le scorie lasciate dal Covid-19.

Giancarlo Labate

Nato a Reggio Calabria nel 1998, studente di Scienze Politiche e grande appassionato di calcio. Sogno di diventare giornalista sportivo per raccontare le mie passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.