Insigne e l’inutile “polemica” sulla maglia numero dieci

Insigne e l’inutile “polemica” sul numero dieci.

Indossare la maglia numero 10 è da sempre il sogno di ogni bambino amante del calcio. Fin dall’inizio quelle due cifre hanno rappresentato il giocatore cardine di ogni squadra, il proprio leader tecnico. Anche nella nostra Serie A sono passati grandissimi numeri 10 come Maradona, Totti o Del Piero. Ragazzi prima e uomini poi che sono riusciti a non sentire la pressione di questa pesante etichetta. E questo è forse il cammino che anche Lorenzo Insigne vorrebbe intraprendere con il Napoli, il suo Napoli.

Chi in queste ultime ore non avrà sentito della polemica nata per le brutte prestazioni dello scugnizzo azzurro in nazionale. Chiunque ha messo bocca affermando Insigne “non meriti” la dieci. Creando una pressione inutile al ragazzo che forse nemmeno ci aveva pensato fino a qualche giorno fa.

Il numero 10 è un simbolo che di certo riempirebbe d’orgoglio ogni calciatore. Ma non deve trasformarsi in un metro di giudizio. È un falso mito quello che dice che un giocatore debba meritarsi quella maglietta. Sono i trofei che vanno sudati, non un numero.

Questa polemica è quindi fine a se stessa. Insigne sarà lo stesso sia con il 24 che con il 10. E non ha di certo bisogno di altre pressioni nel suo periodo di massima maturazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.