Atalanta, Curva Nord chiusa un turno: sanzionati i cori razzisti a Koulibaly!

Atalanta, cori a Koulibaly: ecco la decisione del giudice sportivo

In casa Atalanta, dopo la sconfitta interna con il Napoli, è arrivata anche la decisione del giudice sportivo. Il motivo? Cori razzisti provenienti dalla Curva Nord Pisani nei confronti di Kalidou Koulibaly, che costano una giornata di stop (sanzione sospesa con la condizionale) al “cuore pulsante” del tifo bergamasco. Il settore quindi sarà vuoto in occasione del match tra gli orobici ed il Chievo. Da quanto è emerso dal comunicato però questa sembra essere l’ultima avvertenza per i supporters della Dea, che alla prossima violazione di questo tipo, subiranno una squalifica molto più severa.

Il comunicato

Per maggiori dettagli però ecco il comunicato della Lega Calcio Serie A, in merito proprio a quanto successo nel lunch match tra Atalanta e Napoli: “Il Giudice sportivo, letta la relazione dei collaboratori della Procura federale nella quale, tra l’altro, si riferisce che i sostenitori della società Atalanta, assiepati nel settore “Curva Nord Pisani” si rendevano responsabili, al 20° minuto del secondo tempo, nel numero di circa 4.000 (rispetto ai 8.068 occupanti), ed al termine della gara, nel numero dei circa 300 ancora presenti, di cori espressione di discriminazione razziale nei confronti del calciatore del Napoli Koulibaly; considerato che i cori venivano percepiti da tutti e tre i collaboratori della Procura, posizionati anche in parti dell’impianto distanti dal Settore sopradetto;

considerato che in base alla relazione suddetta emergono comportamenti rilevanti per dimensione e percezione reale, a norma dell’art. 11, n. 3, CGS, ai fini della punibilità degli stessi; considerato che sussistono le condizioni per la concessione del beneficio di cui all’art. 16, n. 2bis, CGS; delibera di sanzionare la Soc. Atalanta con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva Nord Pisani” privo di spettatori, disponendo che l’esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l’avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.