Bologna, l’analisi del giorno dopo. La sconfitta nel caos più totale

Brutta sconfitta a Genova, Donadoni nel caos

Il Bologna esce sconfitto da Marassi contro una modesta Sampdoria, determinante il gol al 90esimo di Zapata. Rossoblu ordinati in campo ma mai troppo coraggiosi salvo Dzemaili, due volte vicino al gol. E intanto a Casteldebole si scatena una protesta contro Donadoni…

Nella prima mezz’ora di gara i felsinei contengono bene gli uomini di Giampaolo, concedendo solo un tiro di Caprari di poco a lato. Poi errore banale di Romagnoli che perde palla davanti alla propria area servendo Quagliarella: l’attaccante prima salta Mirante poi cerca il gol ma lo stesso Romagnoli salva sulla linea. Tra gli uomini di Donadoni ci provano dalla distanza i soliti Verdi e Dzemaili, ieri sera poco fortunati. Davanti praticamente nullo Avenatti, scelto al posto di Destro.

Nel secondo tempo il Bologna appare leggermente più coraggioso e va vicino al gol in due occasioni, entrambe con Dzemaili. Giampaolo cambia l’attacco e mette Zapata e l’ex Ramirez. Il colombiano sin dalle prime battute si mostra pericoloso con la retroguardia rossoblu che comincia a vacillare. All’87’ il Bologna si salva grazie ad un palo colpito da Zapata, con Mirante battuto. Lo stesso centravanti della Sampdoria, al 90′, conclude a rete con un diagonale sporco e buca Mirante.

Il Bologna è crollato ancora. Questa volta i tifosi han davvero perso la pazienza e han preso posizione, lasciando uno striscione fuori dal centro sportivo di Casteldebole contro Donadoni. Il tecnico bergamasco, dopo aver detto che se i tifosi vogliono lo spettacolo possono andare a vedere match di big europee, è al centro delle critiche. La piazza è stanca perché oltre a mancare le prestazioni e i miglioramenti dei singoli – salvo sporadiche eccezioni – non arrivano nemmeno i risultati. Le strade tra Bologna e Donadoni sono destinate a separarsi, a maggior ragione dopo questi giorni burrascosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.