Dzemaili ai saluti: “Grazie Bologna”

Blerim Dzemaili ringrazia e vola in Canada alla corte del Montreal Impact di Joey Saputo. Bologna saluta il centrocampista della nazionale svizzera, che si congeda a tre giornate dalla fine del campionato, ma con la salvezza già acquisita. Una decisione presa da tempo e diventata definitiva domenica scorsa, quando la vittoria sull’Udinese ha garantito ai rossoblu la matematica certezza di giocare in Serie A anche nella prossima stagione. Questi erano i patti e sono stati rispettati. Donadoni perde una pedina fondamentale del suo scacchiere, un giocatore da otto reti in trentuno presenze (senza contare il gol all’Inter in Coppa Italia), ma soprattutto uno dei suoi principali leader. Centrocampista duttile, Dzemaili ha rivestito più ruoli nel corso di questa stagione: da mediano a trequartista, da seconda punta a difensore centrale. Arrivato dal Galatasaray negli ultimi giorni del mercato estivo, si è reso subito protagonista nella prima giornata di campionato contro il Crotone quando, subentrato a Nagy a 12’ dalla fine, dopo aver recuperato palla a centrocampo, ha servito a Destro l’assist per il gol-vittoria. Da quel momento in poi Donadoni ha deciso di affidare a lui le chiavi del centrocampo e l’ex Napoli è diventato insostituibile. La prima rete in maglia rossoblu è arrivata a novembre contro il Palermo, sconfitto 3-1 al Dall’Ara. Il centrocampista svizzero si è ripetuto con Pescara e Crotone, prima di firmare le decisive doppiette contro Torino e Chievo, intervallate da uno strepitoso gol a Marassi contro la Sampdoria. Il 22 aprile a Bergamo, l’ultima apparizione di Dzemaili in maglia rossoblu, celebrata con l’assist a Di Francesco per la rete del momentaneo 2-2. Il saluto di Blerim Dzemaili ai tifosi del Bologna: “Il Montreal è arrivato nel momento giusto, io e la mia famiglia vogliamo provare una nuova esperienza. L’offerta era importante, guardo la MLS da due o tre anni ed è un calcio che mi piace. Ringrazio i tifosi, sono stato benissimo. Non pensavo di avere quest’annata così bella, insieme al Napoli è stata la più bella esperienza che abbia mai vissuto nel calcio. Ho sempre sentito affetto, quando vai via così è sicuramente bello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.