Inter, Suning non può fare di più: tutto è nelle mani di Spalletti e della squadra

Si stava meglio quando si stava peggio?

La risposta, in casa Inter, deve essere necessariamente negativa, in quanto il peggio è stato dato fino alla scorsa stagione. Direzioni tecniche inadeguate e disordine societario sono stati lo specchio di fallimenti, settimi posti e affari infruttuosi stile Vampeta e Quaresma. 

Senza approfondire i disastri di Mazzarri, Mancini, De Boer e Pioli ed il Piano di risanamento, attuato solo in parte dall’indonesiano Thohir, attualmente la società neroazzurra prevede un organigramma quantomeno leggibile. Steven Zhang, rampollo di casa Suning, fa le veci del padre, accanto alla presenza stracolma di interismo di Javier Zanetti. Il segretario dell’azienda cinese è Walter Sabatini. da non confondere o sovrapporre al Ds Piero Ausilio.

L’emblema di quest’ultimo appunto è stata la recente trattativa con il Psg per Pastore: il direttore sportivo, come giusto che sia, ha condotto in prima persona l’operazione, senza usufruire dei buoni rapporti dell’ex Palermo e Roma con l’agente del giocatore ed il club parigino. “Un mancato atto di furbizia“, chiamiamolo così, che avrebbe giovato senz’altro, ma che rispecchia l’individuazione ed il rispetto dei ruoli all’interno della Pinetina.

E poi c’è Spalletti, trascinato a suon di promesse sulla panchina della “Beneamata“. Ne è scaturita una missione ben precisa per il tecnico di Certaldo: rivalutare gli investimenti passati per aprire la strada a quelli futuri. Ma ne è scaturita soprattutto una fisiologica crisi tecnica, nonostante l’entusiasmo ed i miracoli iniziali. L’Inter è comunque quarta, non va dimenticato, a ridosso della Lazio terza, in linea, dunque, con l’obiettivo Champions.

Riprendere la marcia e difendere la posizione è l’unica cosa che conta. Servono, tuttavia, fatica e atteggiamenti consoni alla causa, venuti meno in questi due mesi da film horror. Perché niente, Roma, in principio, è stata costruita in un giorno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.