Inzaghi: “Puntiamo in alto, Keita spero che rimanga”

 

Dopo la brillante vittoria contro l’Inter in Coppa Italia di mercoledì scorso che ha permesso alla squadra di Simone Inzaghi di passare il turno e qualificarsi per la semifinale dove affronterà la Roma.

La Lazio torna in campo domani per la sfida all’Adriatico contro il Pescara dell’ex capitano Massimo Oddo. Come di consueto alla viglia del match, il mister ha risposto alla domande in conferenza stampa nel quartier generale di Formello.

Il derby di Coppa Italia in vista, c’è soddisfazione?

“Speravo di andare avanti, volevo la semifinale, è una competizione importante per noi, abbiamo fatto una grandissima partita, ce la giocheremo con la Roma nel migliore dei modi. Ma manca un mese, è normale che già se ne parli, so quanto ci tiene la gente. Ma pensiamo solo al Pescara ora”

Domani il pericolo maggiore è la Lazio stessa?

“Sicuramente. Domani a livello di concentrazione mentale dovremo essere sul pezzo più di quanto fatto a San Siro. Affrontiamo una squadra che gioca un buon calcio, che secondo me ha una classifica bugiarda, il Pescara si è rinforzato a gennaio. Ho chiesto di approcciare nel modo giusto, altrimenti si potrebbe prospettare una partita insidiosa. A Pescara è un match sentito da parte di tutti, Oddo è un amico preparato”.

Come hai ritrovato Keita?

“E’ tornato molto bene, ha fatto 3 allenamenti nel migliore dei modi, mi è piaciuto, può giocare dall’inizio o entrare dopo. Dovrò valutare il recupero degli altri che hanno speso tanto. Farò qualche cambio, abbiamo faticato a Milano, ma la squadra è in salute e vogliamo riprendere il cammino dopo il ko con il Chievo”.

Qual è l’ambizione della squadra?

“La vedo in alto, siamo andati a vincere in casa della squadra più in forma nel momento d’Europa. Abbiamo vinto meritatamente. Normale che nel cammino ci sia qualche inciampo, ma è stato casuale col Chievo. Siamo stati bravi a ricompattarci e a giocare un ottimo calcio e a prenderci la qualificazione”.

Valore di un eventuale rinnovo di Keita o sarebbe una sorta di tradimento?

“Keita è un ’95, anche lui essendo così giovane ha ancora margini di miglioramento, è un giocatore importantissimo che può migliorare ancora tanto e che personalmente vorrei allenare anche in futuro. Normale che ci siano altre dinamiche, ma lui può spostare equilibri della partita ed è difficile trovarli in giro giocatori così”.

Contento della rosa a disposizione?

“C’è qualche giocatore che ha espresso il desiderio di andare a giocare, come per esempio Cataldi, Leitner e Kishna. Hanno lavorato benissimo con me, sono stati tutti molto disponibili e ci hanno dato tanto, soprattutto Cataldi. Poi vedendo che facevo altre scelte mi hanno chiesto di trovare più continuità altrove. Comunque siamo completi, abbiamo Lulic che può giocare in più parti del campo e lo stesso vale per Crecco, un altro ragazzo che ho visto crescere e può ricoprire più ruoli. Il discorso vale anche per l’attacco”.

Crecco e condizioni de Vrij?

“De Vrij era un po’ affaticato e abbiamo concesso un giorno di riposo in più. Sta bene, è disponibile e vedremo domani se giocherà o meno. Crecco potrà far bene, ci potrà dare una mano. Un ragazzo disponibile che dove lo metti lavora al meglio. Anche lui potrà darci una mano”.

Ha dato un segnale importante con i giovani?

“Penso che a volte magari noi allenatori ci facciamo un po’ troppi problemi. Quando è il momento di lanciarli è giusto farlo, non certo perché mi stanno simpatici ma perché se lo sono meritato. Hanno dimostrato che quando vengono chiamati in causa danno delle buone risposte. Murgia all’esordio a San Siro ha fatto benissimo. Se fanno così giusto continuare a lanciarli”.

Murgia in campo domani?

“Mi aspettavo una buona prestazione di Murgia, è normale dover fare delle scelte. Davanti ha giocatori importanti, gli altri stanno facendo bene e non hanno mai deluso. Ma Murgia ha sempre dimostrato di starci alla grande. Da qui in avanti avrà altre opportunità”.

Milinkovic come sta?

“Sta bene, giocherà sicuramente dall’inizio, è un po’ più fresco rispetto agli altri perché ha riposato a San Siro”.

Nello spogliatoio è cambiato qualcosa a livello mentale dopo il successo con l’Inter?

“Ci fa piacere, l’Inter era una squadra in forma. Abbiamo vinto meritando, con personalità. E’ un trofeo a cui teniamo, a cui sono molto legato. Ma dobbiamo metterci alle spalle la vittoria con l’Inter. Alla ripresa degli allenamenti abbiamo analizzato la partita, ma dal giorno dopo abbiamo cominciato a pensare al Pescara”.

La Lazio non ha segnato nelle ultime due di campionato…

“Non dovremo sbagliare, ci vorrà ancora più concentrazione, dovremo sfruttare le occasioni. Come contro la Fiorentina, il Pescara cercherà di fare bene e di metterci in difficoltà”.

Rossi può inserirsi?

“E’ un giocatore importante, con il Crotone è entrato, col Chievo anche negli ultimi 10′. Davanti siamo al completo, oggi l’ho dato alla Primavera. Farà parlare di sè, è un bravo giocatore e un ragazzo umile che vuole sempre imparare e crescere”.

Che partita si aspetta?

“Il Pescara ha cambiato spesso, dovremo avere l’approccio giusto. Sarà difficile, dovremo essere bravi a fare la partita e a concedere poco, sono bravi nelle ripartenze”.

I convocati?

“Verranno pubblicati, siamo 20 più i 3 portieri, non ci sarà Lombardi ma porterò Tounkara e Crecco”.

Cosa pensi di Tounkara?

“Può essere recuperato, è un ragazzo che ha avuto una crescita e ha iniziato bene, poi alcuni infortuni l’hanno rallentato. Le esperienze in prestito non sono state fortunate, Si è allenato con noi spesso molto bene in questi, a mercato chiuso abbiamo deciso di inserirlo nella lista. Toccherà a lui ora cercare di ritagliarsi un po’ di spazio”.

Turno di riposo per Parolo o Lulic?

“Dovrò valutare, vedrò attentamente i dati, parlerò con i ragazzi e deciderò. Hanno sempre giocato, possono star fuori o giocare entrambi. Ho delle idee, ma dovranno essere rafforzate con i dati delle ultime sedute”.

Domenico Cortese

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.