Juventus-Milan, la gran prova d’orgoglio dei rossoneri non basta. Dybala riporta i bianconeri in testa

La Juventus si aggiudica il big match di giornata contro il Milan e torna in vetta. Decide Dybala al termine di una prestazione a due volti e con i rossoneri che hanno avuto anche grandi occasioni.

Primo tempo con il Milan che ha le migliori occasioni. Piatek di test nel cuore dell’area lasciato solo ma spedisce la sfera a lato clamorosamente. Poi la grande azione orchestrata da Suso, Conti e Paquetà, col brasiliano che fa volare Szscesny che compire un autentico miracolo. Rossoneri che tengono bene il campo e Juve non pervenuta in zona offensiva, con un Ronaldo in evidente affanno, a differenza del suo partner Higuain, decisamente il più in palla.

Ripresa con i rossoneri che calano di intensità ma che non disdegnano ad offendere e ad essere insidiosi. La Juve sale di corsa e ritmo soprattutto grazie agli inserimenti di Dybala e Douglas Costa che danno linfa all’attacco ed è proprio l’argentino a sbloccare la gara dopo un gran fraseggio con Higuain. Poi è il pipita a sfiorare il raddoppio con un tiro forte alto di poco.

Solita storia. Film visto e rivisto. Una Juventus che non perdona, soprattutto tra le mura amiche, e che fa valere la sua superiorità individuale a discapito di un ottimo Milan che avrebbe meritato qualcosa in più ma col solito problema realizzativo.

Antonio Barbato

Laureato in Culture Digitali e della Comunicazione presso il dipartimento di Scienze Sociali della Federico II di Napoli. Ho conseguito un attestato di frequenza per il corso base di giornalismo, presso il centro di documentazione giornalistica di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.