La solita Lazio col mercato senza sorprese e cessioni bloccate

La Lazio ed il mercato, un rapporto mai idilliaco, spesso e volentieri a causa delle pretese troppo alte del presidente Lotito. Quest’estate i biancocelesti stanno operando col contagocce. Tanto che dal punto di vista delle entrate, l’unico vero giocatore che ha scaldato gli animi dei biancocelesti è Manuel Lazzari, proveniente dalla Spal e che proprio grazie agli emiliani ha conquistato un posto in Nazionale. Se quindi in entrata è accaduto poco e nulla, stessa cosa si può dire in uscita.

Pedro Neto e Jordao le cessioni che maggior guadagno hanno portato alla compagine laziale. Ceduti per un totale di 26,5 milioni di euro, una buona somma visto che i due non hanno praticamente quasi mai toccato il campo durante l’esperienza nella capitale. A dirigere l’operazione non poteva che essere Mendes, che ha capitalizzato al meglio le due cessioni. Altro addio, implicato nella trattativa con la Spal per arrivare a Lazzari, è stato quello di Murgia. Il giocatore, valutato una manciata di milioni, è stato inserito nella trattativa per l’esterno difensivo, insieme ai 7 milioni di euro pattuiti dalle due società.

Infine, una situazione che potremmo definire in bilico, è quella riguardante Milinkovic-Savic. Il calciatore serbo è “seguito” dall’Inter e da club della Premier League. Lotito però per meno di 100 milioni di euro non cederà il centrocampista. Una scelta obbligata in seguito al rifiuto di offerte ben più alte arrivate un anno fa e rispedite al mittente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.