Lazio-Napoli, le pagelle dei biancocelesti – Fallito l’esame di maturità: Immobile il grande assente, in mezzo al campo poche idee: quanto è mancato Biglia!

Le pagelle della squadra di Simone Inzaghi, sconfitta duramente dal Napoli nel big match dell’Olimpico: 0-3 nello scontro diretto e addio sogni di Champions.

STRAKOSHA 5,5: Rivedibile sul primo gol di Insigne. Peccato perchè pochi istanti prima si era opposto bene ad Hamsik, ma a conti fatti è un’incertezza che pesa.

RADU 5: In ritardo sulla rete di Callejon, fatica sempre a contenere le iniziative partenopee.

WALLACE 5: Pasticcio in comproprietà con Strakosha in occasione del secondo gol del Napoli. Prima e dopo tanti errori meno sanguinosi, il centrale brasiliano non dà mai sicurezza al reparto.

BASTOS 5,5: Sacrificato da Inzaghi quando è stato il momento di ridisegnare la Lazio, anche se dei tre dietro fino a quel momento era stato il meno peggio (dal 52′ HOEDT 5,5: Nel finale prova a fare l’attaccante aggiunto con scarsi risultati e non risolleva una difesa oggi in grave difficoltà).

LUKAKU 6: Consueta prestazione del belga: propositivo anche se non sempre lucido in fase di impostazione, fragile in quella di copertura.

PAROLO 6: Primo tempo incisivo, è lui a servire i palloni più interessanti al reparto avanzato. Cala nella ripresa, quando non riesce a creare pericoli con i suoi inserimenti.

MURGIA 5: Stavolta la bella sorpresa del vivaio laziale non si dimostra all’altezza. Impallidisce di fronte ad Hamsik, fa rimpiangere Biglia, viene rimandato anche da Inzaghi che lo sostituisce a inizio ripresa (dal 52′ KEITA 6: Con la sua rapidità rende più imprevedibile la Lazio, ma è più fumoso e meno cinico che in altre occasioni).

BASTA 5,5: Soffre sulla sua fascia di competenza senza riuscire a proporsi con continuità in fase di impostazione (dal 59′ PATRIC 6,5: Il suo ingresso dà un inatteso brio alla manovra biancoceleste, peccato per il gol solo sfiorato al 72′)

FELIPE ANDERSON 6: Da lui ci si aspetta sempre la giocata illuminante che spesso invece non arriva. Però non sfigura ed è sempre nel vivo del gioco dei padroni di casa.

MILINKOVIC 5,5: Avvio incoraggiante, con subito un paio di squilli che mettono in difficoltà il Napoli. Cala alla distanza e si innervosisce.

IMMOBILE 5: Vero che non dispone di molte occasioni da gol pulite e che non è ben servito dai compagni. Ma non graffia mai: nel momento di massimo sforzo, la Lazio si affida a Keita e a Patric.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.