Milan, operazione Ibrahimovic: tutti i vantaggi che può portare lo svedese

Quasi ogni anno al Milan c’è una voce di mercato che è come una tassa annuale delle più pignole e puntuali. Ovviamente ci riferiamo a Zlatan Ibrahimovic. L’anno in cui ha lasciato i rossoneri è coinciso con questo periodo di sofferenza e declino del club. Una coincidenza?

Lo scorso anno pareva ad un passo dal ritorno e i contatti col suo agente erano stati proficui, ma gli ordini dall’alto non hanno permesso di finalizzare il tutto. Ora la proprietà pare aver cambiato idea in merito alla possibilità di acquistare giocatori di esperienza. Non sappiamo se sarà lo svedese, per adesso una suggestione, ma sappiamo quali sono i vantaggi che potrebbe portare ad una squadra così giovane:

  1. Leadership: bessuno ne avrebbe più di lui. Il giocatore dall’ego più smisurato che ci sia. Un vincente con la V maiuscola. Uno che nei momenti difficili della partita si prende le responsabilità quasi naturalmente, alleggerendo i propri compagni.
  2. Scossa: il suo arrivo rappresenterebbe senza dubbio una scarica elettrica per tutto l’ambiente, ad oggi, depresso. Riaccenderebbe la passione dei tifosi. Ibra è stato l’ultimo vero eroe del Milan.
  3. Tanti gol: inutile ribadire il concetto dell’età. Come spesso si dice, è solo un numero. Basti pensare a Toni, l’anno del Verona dove divenne capocannoniere, e Quagliarella la scorsa stagione. Non proprio due giovincelli. Un Ibra in forma, come ha dimostrato di essere in America, potrebbe fare tanto peggio? Difficile. Lo svedese potrebbe essere la panacea dei mali offensivi dei rossoneri, esaltando le caratteristiche delle diverse mezzepunte e centrocampisti. Nocerino docet.

Insomma, i pro sono tantissimi. Vero che progettualmente non è una mossa da gran criterio, ma a questo Milan serve una medicina nell’immediato e giocatori di esperienza con urgenza.

Antonio Barbato

Laureato in Culture Digitali e della Comunicazione presso il dipartimento di Scienze Sociali della Federico II di Napoli. Ho conseguito un attestato di frequenza per il corso base di giornalismo, presso il centro di documentazione giornalistica di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.