Milan, rimonta in un quarto d’ora. Paquetà e Leao salvano Giampaolo

Dopo le tre sconfitte consecutive arriva finalmente la vittoria per il Milan di Giampaolo. Tutt’altro che entusiasmante sul piano del gioco e delle idee. Ancora una volta aggiungiamo noi. È stata una vittoria frutto delle giocate individuali e di due giocatori che non possono stare fuori dai titolari: Paquetà e Leao. I due hanno letteralmente spaccato la gara e avuto un impatto devastante.

Giampaolo ad inizio gara sorprende tutti affidandosi alla vecchia guardia ma anche stavolta viene deluso. Piatek irriconoscibile ma  molto dipende dal lavoro che il mister chiede al polacco. Un lavoro che non è assolutamente nelle sue corde. Per questo motivo, se la via delle due punte è accantonata e un tridente con i tre attaccanti puri non è sostenibile per questioni di equilibrio, si continui a puntare su Rafael Leao come centravanti. Ottimi i suoi movimenti a venire incontro, a dialogare con la squadra e puntare la difesa avversaria con quel pizzico di sfrontatezza che caratterizza un ventenne.

Il lavoro è tanto da fare, ma aspettarsi ieri sera miglioramenti sul piano del gioco era impensabile. La più classica delle partite caratterizzate da nervosismo e ansia, lo si è visto anche in casa Genoa, di una squadra che sapeva di dover vincere a tutti i costi e che grazie ai nervi e alle individualità ci è riuscita. Alla fine del primo tempo, il Milan aveva toccato il fondo da tutti i punti di vista, per questo la vittoria pesa ancor di più e dà all’allenatore e la squadra la possibilità di ricominciare (la sosta calza a pennelle) e resettare questo brutto avvio.

Antonio Barbato

Laureato in Culture Digitali e della Comunicazione presso il dipartimento di Scienze Sociali della Federico II di Napoli. Ho conseguito un attestato di frequenza per il corso base di giornalismo, presso il centro di documentazione giornalistica di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.