Napoli, il legale azzurro spiega il caso Younes

Il caso Younes è stato un giallo per tutti e a spiegarlo è stato Mattia Grassani, legale della SSC Napoli, ai microfoni di “Si Gonfia La Rete”. Di seguito vi proponiamo le parole dell’avvocato azzurro.

Le parole del legale del Napoli:

“Innanzitutto quello che dice il giocatore non può prescindere dagli accordi formalizzati con la società del Napoli alla presenza dello stesso giocatore. Resta il fatto che il Napoli ha sottoscritto durante il mercato un accordo con decorrenza dal 1 luglio 2018; accordo depositato correttamente in Lega. Al di là delle sensazioni di Younes, il Napoli è l’unico club titolare del diritto alle sue prestazioni sportive. Se Younes deciderà di prendere strade diverse rispetto a questo accordo, si assumerà tutte le responsabilità sia economiche che disciplinari.

Firmare per un’altra squadra è uno scenario impercorribile. Se lo dovesse fare verrebbe squalificato e in più dovrebbe risarcire il danno al Napoli in termini economici. Anche il nuovo club sarebbe considerato a livello patrimoniale responsabile in solido. Oggi si sente dire che i contratti, anche firmati, hanno un valore relativo. Siamo però all’interno di un conteso altamente professionale. Non vi è dubbio che le firme di Younes sono arrivate su una serie di documenti. Credo che se il giocatore continuerà nella sua iniziativa, andrà a sbattere contro un muro a meno che tutto non avvenga alle condizioni del Napoli. La percentuale del 70% non è stata raggiunta nel momento in cui il Napoli ha vincolato il giocatore. La condizione in esame è decaduta non potendo esplicare i suoi effetti in futuro. La cessione rientrerebbe in logiche di mercato che prescindono da aspetti legali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.