Napoli, studia dal Valencia

Nel recupero di ieri sera tra Valencia e Real Madrid, la squadra di Zidane si è dovuta arrendere a quella di Voro Gonzalez, soprattutto grazie ad un super Zaza.
2 sconfitte nelle ultime 3 trasferte per il Real in Liga, questa è sicuramente la notizia che i tifosi del Napoli aspettavano. I Blancos non sono imbattibili, soprattutto fuori dal Bernabeu.

Di fatti l’uomo in più per il Napoli, in vista della gara di ritorno sarà proprio il San Paolo, forte dei suoi 80mila spettatori.
Saranno abituati i giocatori del Real ad un ambiente così caloroso? Gli tremeranno le gambe? Beh di certo i Merengues non giocheranno con la scioltezza con cui vincono le partite davanti ai propri tifosi e questo Sarri lo sa.

Un altro punto debole da poter cogliere nel Real è la discreta fase difensiva attuata nelle ultime gare: solo 2 volte i Blancos hanno tenuto la loro porta inviolata nelle ultime 9 gare tra campionato, Coppa del Rey e Champions. Quei tre piccoletti lì davanti possono essere protagonisti, come hanno dimostrato all’andata. Senza dimenticare il rientro di Milik che sicuramente sarà una pedina in più a gara in corso.

2 gol si possono fare, l’importante sarà non prenderli. Dunque il Napoli dovrà studiare anche un po’ dal Valencia se vuole realmente battere il Real, ma soprattutto servirà che San Gennaro sciolga il sangue nelle vene dei napoletani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.