Paratici, Sarri e Ronaldo, tutti sulla graticola?

La Juventus sembra in difficoltà: c’è da preoccuparsi?

La Juventus, senza alcun ombra di dubbio, sta vivendo un momento piuttosto complicato. Dopo l’addio di Allegri, il cambio di filosofia con Sarri e la sconfitta in Supercoppa, qualche giorno fa la squadra bianconera si è dovuta anche arrendere al Napoli, ai calci di rigore, nella finale di Coppa Italia. Vincere indubbiamente non è mai scontato e perdere, dopo diversi anni di dominio assoluto, non sarebbe la fine del mondo, tuttavia il problema resta il modo in cui questa Juventus è stata sconfitta.

La condizione fisica, causa lo stop forzato, non è certamente la migliore, ma questo tuttavia dovrebbe essere un problema comune. E invece no, considerato che Napoli, Inter oppure la stessa Atalanta sembrano essere molto avanti. Ma quale è realmente il problema? Serve tempo ed è normale, ma il cambio di filosofia sembra non essere avvenuto per niente. La Juventus, troppo individualista, attualmente è un ibrido tra il vecchio ed il nuovo, ma in negativo. L’incapacità di riempire l’area, di tirare più spesso in porta, così come la mancanza di una vera e propria solidità difensiva sono un gran problema a cui Sarri dovrà cercare di porre rimedio il più in fretta possibile.

Intanto l’ambiente bianconero, abituato alla vittoria, a distanza di tempo sembra iniziare a comprendere le parole di un anno fa dell’ex allenatore Massimiliano Allegri: “Tra giocar bene e vincere c’è una sottilissima differenza“. In realtà si potrebbero fare entrambe le cose ed è ciò che Sarri dovrà dimostrare. Dopotutto la stagione, per quanto ambigua, non è ancora terminata e ci sono due obiettivi a cui puntare: in primis il campionato e poi la Champions League.

Nonostante ciò, la domanda sorge spontanea: c’è qualcuno attualmente sulla graticola? La risposta è, per il momento, assolutamente no. Cristiano Ronaldo, infatti, stava disputando un’ottima stagione, risultando decisivo a più riprese. Al portoghese manca semplicemente la condizione fisica che con ogni probabilità ritroverà nel corso dei prossimi giorni. E Sarri e Paratici? Indubbiamente hanno le proprie responsabilità. Il primo, come detto, non è riuscito a dare nell’immediato la propria impronta alla squadra, sul secondo invece è lecito porsi degli interrogativi rispetto al mercato portato avanti. L’acquisto di De Ligt è indiscutibile, ma i centrocampisti – strapagati in termini di ingaggio e commissioni – hanno floppato clamorosamente. Inoltre è evidente che alla Juventus manchi un vice Alex Sandro, così come un vice Higuain ed almeno un centrocampista di qualità che possa dare qualità (e non solo) alla manovra della squadra di Maurizio Sarri.

Felice Allocca

Nato ad Avellino nell'ottobre del 1996. Studente presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Aspirante giornalista sportivo, collabora con il portale Zonacalcio.net.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.