Pisa: sono arrivati i primi quattro daspo effettivi, Corrado cerca di ridurre la penalizzazione in arrivo

Situazione frenetica in casa AC Pisa 1909, mentre il mister e la squadra stanno preparando l’importante trasferta di Ascoli, Sabato ore 15.00, sono arrivate buone e cattive notizie dalle vicende extracalcistiche. E’ di poche ore fa infatti la notizia del provvedimento definitivo dei daspo per i fatti di Pisa-Brescia, quattro sostenitori pisani hanno ricevuto la sanzione effettiva. Allo stesso tempo il presidente Corrado è fiducioso di poter ridurre l’imminente penalizzazione della squadra.

LE DIFFIDE

Sale lo sconcerto a Pisa per le sanzioni dopo i fatti di Empoli dello scorso 17 Settembre, sono arrivati infatti i primi 4 daspo effettivi contro i sostenitori nerazzurri, recanti l’obbligo di firme e l’allontanamento da ogni tipo di evento e manifestazione sportiva che può variare tra i 5 e gli 8 anni. La difesa curata dall’avvocato Contucci di Roma e dal pisano Bottone, sta curando le difese degli altri 87 tifosi coinvolti e ha affermato di non sapere ancora quali siano le effettive ratifiche di queste diffide. I due avvocati stanno comunque lavorando senza sosta per evitare che arrivino altre sanzioni definitive contro i tifosi coinvolti quel 17 Settembre scorso.

LA PENALIZZAZIONE

Intanto il presidente Corrado nei prossimi giorni si recherà a Roma per cercare di curare i rapporti con la Procura Federale e di ridurre la sanzione contro la squadra nerazzura che quasi sicuramente prevederà 4 punti di penalizzazione. Corrado proverà a disporre di una tesi difensiva convincente presentando con le prove fornite dalla Lega di Serie B la totale estraneità dai fatti dell’attuale proprietà con gli eventi accaduti e per i quali la Procura ha evidenziato inadempienze. L’obbiettivo è di ridurre quanto meno da quattro a tre punti la penalizzazione finale.

 

Lorenzo Pera

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.