Aniello Martone a ZC: “Fontana scelta di motivazioni, non abbiamo perso le speranze per Turchetta e Forte. Palumbo mi piace, su Bocalon e Bellomo…”

Iniziare non è mai facile ma il nuovo progetto della Casertana è stato affidato alle sapienti mani e alla professionalità di un grande direttore sportivo come Aniello Martone, che insieme al presidente D’Agostino ha tutte le intenzioni di costruire una splendida realtà che possa diventare gradualmente un punto di riferimento e un modello per l’intero movimento.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Aniello Martone, direttore sportivo della Casertana, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla scelta di puntare in panchina su Fontana, sul mercato e su tanto altro.

Fontana – “La scelta di Fontana va aldilà del grande professionista, è stata una scelta di motivazioni, ha tanta voglia di rivincita, e siamo convinti che potrà dare tanto alla causa della Casertana. Il mister non è legato ad un solo modulo, la nostra è una squadra costruita per un 3-5-2 ma ovviamente ci sarà in tal senso molta flessibilità.”

Attacco – “Stiamo facendo tante valutazioni in attacco, dal poter riavere Turchetta, alle conferme di De Vena ed Alfageme, al ritorno di Padovan. Siamo inoltre in prima fila per Castaldo.”

Forte – “Non abbiamo esercitato il diritto di riscatto ma certamente vorremmo riportare Forte alla Casertana, ma non dipende solo da noi.”

Tifosi – “In un anno e mezzo abbiamo ridato credibilità ad una piazza che aveva perso entusiasmo, certamente mi auguro che la prossima stagione ci sia una maggiore partecipazione dei tifosi, visto che quando si è superata la quota 5’000 spettatori al Pinto si è sempre vinto.”

Piazza ambita – “Fa molto piacere che siamo diventati una piazza ambita per calciatori ed allenatori, ciò dimostra quanto di buono si stia facendo con molta trasparenza e serietà, per due anni di fila siamo arrivati ai play-off, uscendo con l’Alessandria, finalista della scorsa edizione, ed il Cosenza vincitrice della recente finale contro il Siena.”

Bellomo e Bocalon – “Bellomo non è mai stato trattato lo stesso discorso vale per Bocalon.”

Palumbo – “Palumbo è un giocare che mi piace, il calciatore di proprietà della Sampdoria è stato autore di una grande stagione con il Trapani.”

Capuano – “Capuano è stato sondato, come altri 5-6 profili, con i quali ci sono stati dei colloqui, ci siamo lasciati in maniera molto trasparente.”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.