Catanzaro, il futuro è sempre più incerto

Chi pensava che la stagione appena conclusa fosse stata una della più tribolate della storia giallorossa si starà ricredendo. Una salvezza raggiunta solo ai playout, tra mille sofferenze. Un campionato umiliante per chi ha un blasone come quello del Catanzaro.

Poi, il giorno successivo, l’arresto del presidente Giuseppe Cosentino, e la sensazione che il matrimonio con Mister Gicos fosse al termine. Un matrimonio iniziato nel migliore dei modi, quello che aveva portato l’imprenditore reggino nel capoluogo calabrese. Subito una promozione dall’allora seconda divisione alla prima di lega pro, che rendeva Cosentino beniamino dei tifosi. Il suo carattere schietto, le corse sotto la curva a fine partita, l’ambizione di voler costruire una grande squadra.

Ma a volte le cose non vanno come sperato, e spesso anche i matrimoni più belli vanno in crisi. A Catanzaro cominciano a far ritorno le delusioni, una dopo l’altra. Stagioni a volte anonime, sconfitte che fanno male, come quella ai playoff 2013-2014 contro il Benevento.

Quella successiva è forse la più dolorosa. Una campagna acquisti sontuosa, una squadra costruita per conquistare subito la Serie B. Barraco, Russotto, Pagano, Vacca e il ritorno di un certo Diomansy Kamara fanno sognare i tifosi giallorossi. Ma il giocattolo si rompe già a gennaio. Squadra smantellata, e addio sogni di gloria. Il resto è storia dei giorni nostri. Dopo l’arresto, e le settimane di silenzio, 3 giorni fa è arrivato l’annuncio ufficiale. Il Catanzaro è in vendita.

Da queste parti, si sa, è difficile coinvolgere l’imprenditoria locale nell’investire nel Catanzaro calcio. La famiglia Cosentino si è detta disposta a versare, nella giornata di oggi, gli stipendi dei calciatori fino al mese di marzo. Questo significa che, anche qualora dovesse arrivare l’iscrizione, arriverà anche una penalizzazione in classifica.

I termini per iscriversi al campionato scattano venerdì. Entro allora bisognerà trovare una soluzione, altirmenti il calcio da queste parti rischierà di sparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.