Catanzaro, contro il Monopoli è vietato giocare

Dopo la bruciante sconfitta di Melfi il Catanzaro è chiamato al riscatto. Per la trentesima giornata di campionato al Ceravolo arriverà il Monopoli di mister Bucaro. Per i giallorossi si tratta della classica sfida sulla carta abbordabile, ma che potrebbe nascondere mille insidie. I biancoverdi infatti, dopo un ottimo inizio di campionato, sembrano avere smarrito la via del bel gioco e dei punti in classifica. L’intera posta in palio manca addirittura dallo scorso dicembre, quando i pugliesi espugnarono Agrigento. Da allora, sei pareggi e cinque sconfitte (di cui quattro nelle ultime cinque giornate). Vista l’importanza del match, ai giallorossi di è richiesta un’inversione di marcia rispetto all’ultima (sciagurata) uscita. Servirà sicuramente un piglio diverso, un modo diverso di affrontare una gara fondamentale. Difficile accettare il non aver mai tirato in porta contro una difesa (quella melfitana) perforata per ben 57 volte, di gran lunga la peggiore fra tutte le 60 squadre di lega pro. Ci si gioca, dicevamo, ben più dei canonici tre punti in classifica. I calabresi occupano attualmente la quintultima posizione, il Monopoli dista solo tre punti. Una vittoria vorrebbe dire abbandonare, praticamente per la prima volta dall’inizio del campionato, la zona playout. C’è poi da considerare un altro importantissimo fattore. La sconfitta di domenica scorsa (e il movimentato post-gara) hanno scosso un ambiente già di per se agitato, e creato ulteriore distanza fra squadra e tifosi. Il silenzio assordante della società ha fatto il resto. Non un comunicato, nè un’iniziativa di abbattimento dei costi dei biglietti, che in questo delicatissimo momento avrebbero potuto creare una tregua necessaria alla causa giallorossa. Lo stadio sarà quasi sicuramente più vuoto del solito, proprio nel momento della stagione in cui bisognerebbe restare tutti uniti, il momento in cui bisognerebbe remare tutti dalla stessa parte. Mister Erra cercherà di guidare i suoi verso una vittoria importantissima. Per farlo, dovrebbe affidarsi alla coppia d’attacco formata da Giovinco e Gomez. Proprio quest’ultimo cercherà di scrollarsi di dosso i dolorosi episodi di Melfi che lo hanno (suo malgrado) coinvolto. Per il resto, solito 4-4-2, con sugli Icardi e Cunzi, che proveranno a dare continuità alle ultime convincenti prestazioni. Arbitrerà il giovane (29 anni) Annaloro, della sezione di Collegno (Torino). Inizio alle 14:30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.