Il Processo Azzurrostellato. Spettacolo al Granillo, ed ora testa al Cosenza

Quella di ieri è stata e doveva essere la tipica partita di fine campionato. Quella in cui si dà spazio a chi meno ha giocato, e a chi vuole farsi notare in vista della prossima stagione. Anche al Granillo però, la Paganese ha dimostrato di essere forte. Nonostante molti dei titolari fossero in panchina, gli azzurrostellati hanno lottato. Magari, anzi sicuramente, si poteva dare molto di più all’inizio, ma qualche errore ora ci può stare. Partiamo però dal principio.

La Paganese ha perso sul campo della Reggina dopo una partita rocambolesca. Passata in svantaggio di due reti dopo appena dodici minuti, ha poi ribaltato le sorti dell’incontro. Dal 30′ al 32′ infatti sono arrivati i gol del pareggio, firmati Albiciade e Caruso. Nella ripresa poi Zerbo, con un guizzo, aveva portato in vantaggio i suoi. Marcatura illusoria, siccome prima del novantesimo ecco i gol di Maesano e Tripicchio. In questo modo gli amaranto conquistato tre punti che servono però solo alle statistiche.

Ora la testa va naturalmente alla sfida di domenica prossima al Gigi Marulla. Qui i campani affronteranno il Cosenza in una sfida valida per i play-off. Un dentro-fuori che non lascia repliche. Novanta minuti dove i padroni di casa possono sfruttare due risultati su tre. Infatti in caso di pareggio si qualifica la squadra meglio piazzata, in questo caso i calabresi. In campo torneranno però tutti i calciatori lasciati a riposo nella partita del Granillo. Qui non sono ammesse leggerezze e chiunque giocherà dovrà dare il massimo.

Già chiudere la stagione con 50 punti in classifica è un gran risultato, ma è sempre giusto migliorarsi. La Serie B si avvicina sempre di più, ed è un’occasione da non lasciarsi sfuggire. La rete di Albiciade oggi, conferma poi la grande verbe offensiva del difensore. Anche da questi piccoli particolari potrebbe passare la qualificazione al turno successivo. Grassadonia in questa settimana dovrà preparare i giocatori non solo dal punto di vista fisico, ma soprattutto dal punto di vista mentale. Inculcare nei tanti giovani presenti nella rosa la giusta mentalità per raggiungere un traguardo storico per la società e la città.

Una settimana decisiva quindi, che però siamo sicuri regalerà ai tifosi tante emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.