L’Olbia stende il Siena ed abbandona i playout

Partita da classico finale di stagione quella di quest’oggi al Bruno Nespoli di Olbia. Padroni di casa che lottano per uscire dalla zona calda di classifica. Gli ospiti sono relativamente più tranquilli, anche se la salvezza matematica non è ancora arrivata. L’inizio di gara è tutto di marca ospite, decisamente meno contratti degli avversari, anche vista la situazione di classifica più tranquilla. La Robur pressa e si riversa nella metàcampo ospite per tutti i primi 45 minuti. Tuttavia, gli avanti senesi non riescono a creare grosse occasioni da rete. Si va così all’intervallo a reti bianche, con un Olbia assolutamente anonimo. La ripresa inizia con un brivido, creato ancora una volta dagli ospiti, ma Marotta viene chiuso un attimo prima di calciare. Al 56mo si vedono per la prima volta i padroni di casa. Il tiro di Piredda, ex di giornata, finisce però abbondantemente alto sopra la traversa. Al 70mo l’Olbia va in rete con Kouko, ma l’arbitro annulla giustamente per fuorigioco. Sono però le prove generali del gol. All’81mo arriva finalmente il gol. Ogunseye, subentrato a Ragatzu, insacca di testa, e porta in paradiso i suoi. Non succede più nulla. L’Olbia vince la gara, seppur immeritatamente, e si tira momentaneamente dalla zona playout. Per i senesi è la quinta sconfitta nelle ultime 7 partite, score davvero poco invidiabile. A fine gara arriva però il verdetto più importante.

OLBIA-SIENA 1-0 (82mo Ogunseye)

OLBIA (4-3-1-2): Van Deer Want; Pinna, Dametto, Iotti, Cotali; Feola, Muroni, Piredda; Ragatzu (63mo Ogunseye); Capello, Kouko. A disposizione: Deiana, Murgia, Pisano, Senesi, Geroni, Quaranta, Benedicic, Cossu. All. Bernardo Mereu.

SIENA (4-3-3): Moschin; D’Ambrosio, Panariello, Terigi, Iapichino; Saric (73mo Gentile), Guerri, Vassallo (78mo Grillo); Ciurria (59mo Steffè), Marotta, Jawo. A disposizione: Di Stasio, Ivanov, Rondanini, Ghinassi, Bunino, Bordi, Stankevicius, Freddi, Secondo. All. Scazzola.

ARBITRO: Pietropaolo di Modena.

ASSISTENTI:  Cantafio-Salvatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.