Dirige l’orchestra il maestro Fabio Caserta, canta la Juve Stabia

La partita tra Juve Stabia e Trapani mette, forse, fine ad un’annata strepitosa andata in scena nel Girone C di Serie C, con tante squadre in corsa per il titolo ma una sola, la più inaspettata, che non l’ha mai mollato dalla prima giornata: le vespe, appunto.

Come una grande orchestra, ieri, tutti hanno svolto il loro compito in solitaria ma all’unisono. Branduani c’ha messo i guantoni ed il solito carisma, Carlini l’esperienza e la zuccata vincente, Canotto ed Elia rabbia, corsa e determinazione. A guidare il tutto un “maestro d’orchestra” che ad oggi è un lusso per la categoria: Fabio Caserta. Il tecnico ha messo in scena il meglio del suo repertorio: gestione dei cambi, variazione di modulo a gara in corso per adattarsi all’avversario ed al momento della gara, caparbietà e voglia di vincere.

Quello andato in scena al Romeo Menti di Castellammare è stato un match ad alta intensità di gioco, con occasioni da ambo le parti fin dalla prima frazione di gioco, terminata però col punteggio di 0 a 0. Differente la ripresa che ha visto man mano i padroni di casa prendere fiducia, anche grazie ad una spettacolare cornice di pubblico riservata per le grandi occasioni. Ci pensano Carlini e Canotto, su due fughe caparbie e solitarie di Elia e Paponi, a finalizzare gli sforzi di un intero stadio in trepidante attesa di vedere la sfera varcare la linea di porta.

Juve Stabia, 4 punti e 4 gare

Quattro i punti di vantaggio, adesso, che distanziano le vespe capoliste dai siculi secondi in classifica ad appena 4 giornate dal termine. Sicula Leonzio, Vibonese e Francavilla. Queste le partite tra la società stabiese e la Serie B, 9 punti a disposizione, più 3 che arriveranno a tavolino contro il Matera. Il tutto, poi, si aggiunge al vantaggio negli scontri diretti con il Trapani a cui non basterà rimontare lo svantaggio in classifica ma dovrà necessariamente terminare con almeno un punto in più rispetto agli uomini di Caserta. Insomma, per i granata l’imperativo sarà non sbagliare più un colpo, per i gialloblu basterà assicurarsi 5 dei prossimi punti in palio per festeggiare un’annata straordinaria.

Antonio Di Martino

Studente di Economia Aziendale, diplomato in ragioneria, con la passione per il calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.