Marco Russu a ZC: “Con la Lucchese sei mesi importanti, Lopez mi ha dato continuità. Grato al Cagliari”

Marco Russu è stato una delle rivelazioni della complessa scorsa stagione della Lucchese, il ragazzo ha dato dimostrazione di meritare la categoria, contribuendo con le sue prestazioni altisonanti alla salvezza della compagine toscana.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Marco Russu, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla sue prospettive future, sulle esperienze passate e su tanto altro

Crisi nel calcio – “È un periodo difficile per tutto il calcio italiano, spero che si risolva al più presto tale situazione perché i primi a pagarne le conseguenze siamo noi calciatori.”

Seconde squadre – “Per quanto riguarda le seconde squadre credo che per le società sarebbero state una buona opportunità per far crescere i propri ragazzi.”

Under-over – “Penso che la regola degli under sia svantaggiosa per tutti i calciatori. Sono dell’idea che debba giocare chi merita, senza badare all’età.”

La stagione- “I miei primi sei mesi all’Arzachena son stati difficili, mentre a Lucca mi sono riscattato dove ho collezionato buone prestazioni, giocando con continuità e trovando la mia prima gioia personale  tra i professionisti.”

Tecnici – “Ho avuto nella mia breve carriera, per fortuna, alcuni allenatori che mi hanno insegnato tanto a partire dal settore giovanile a Cagliari fino all ultima esperienza in C , tra questi Diego Lopez a Cagliari, Antonio Filippini a Lumezzane insieme a Giancarlo D’Astoli, Aimo Diana a Melfi e per finire Giovanni Lopez a Lucca che ha creduto in me sin da subito.”

Over – “Ho avuto la fortuna di trovare sempre compagni over che mi hanno sempre aiutato e sostenuto.”

Cagliari – “E’ stata fondamentale l’esperienza di Cagliari sotto tutti i punti di vista, ho fatto tutte le trafila sino alla primavera. Sarò sempre grato al
Cagliari, in particolare a Gianfranco Matteoli, che ha sempre creduto tanto in me, per avermi dato la possibilità di mettermi in mostra tra i professionisti.”

Barella – “Con Barella ho giocato dagli allievi fino alla primavera, lui era sotto età, ma già si percepiva, che aveva qualcosa in più rispetto agli altri. Sono molto contento per quello che sta facendo col Cagliari, se lo merita.

Futuro – “Mi sto allenando mantenendomi in forma mentre aspetto qualche novità che possa dare continuità a quello che ho fatto in questi anni. Ci sono state delle chiacchierate ma nulla di concreto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.