Massimiliano Tangorra a ZC: “Fa piacere essere accostato alla Casertana, soddisfatto per aver valorizzato Bei, Sounas e Ferrara”

Massimiliano Tangorra è uno dei tecnici emergenti del nostro calcio, un allenatore caparbio che ha ampiamente dimostrato il suo valore soprattutto nelle esperienze di Monopoli.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Massimiliano Tangorra, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla sua stagione, sulle sue prospettive future e su tanto altro.

Finale – “Non mi ha sorpreso il Cosenza, visto che sin dall’inizio aveva un organico per vincere il campionato, e soprattutto il suo percorso, dopo le vicissitudini di inizio anno, ha subito una netta accelerata con il cambio di tecnico e il mercato di gennaio. I calabresi sono stati agevolati in questi play-off, non avendo la pressione di essere considerati favoriti. Nonostante le squalifiche comunque reputo il Siena una signora squadra.”

Seconde squadre – “Bisogna capire il modo in cui verranno inserite, considerato le difficoltà che stanno dilaniando il calcio di C, certo non posso accettare che le seconde squadre potrebbero non fare classifica. Inoltre con il loro ingresso si rischia di penalizzare quelle società che lavorano con le valorizzazioni.”

Under e over – “Onestamente ho i miei dubbi che possa  favorire realmente la formazione di questi ragazzi. Un giovane che ha qualità gioca sempre, vent’anni fa uscivi fuori solo grazie alle tue capacità.”

Stagione – “E’ stata dal mio punto di vista una stagione positiva, il Monopoli non si era mai ritrovato per sei giornate di fila al primo posto del campionato, e nelle successive sei al secondo posto. Mi era stato richiesto una tranquilla salvezza, considerato che la nostra programmazione doveva essere biennale. La nostra partenza sprint ha cambiato determinate dinamiche. Scienza ha avuto buon senso a non stravolgere sistema di gioco ed uomini portando questa compagine ai play-off.”

Bei e Ferrara – “La stagione di Bei è un motivo di soddisfazione personale, visto che questo ragazzo si è dimostrato pronto per determinati palcoscenici, come del resto Ferrara, un giocatore che non doveva fare parte del progetto tecnico e che io ho rivalutato.”

Sounas – “Ho sempre creduto nel potenziale di questo ragazzo, con me ha trovato la continuità e quella fiducia necessaria per far esplodere il suo grande potenziale.”

Casertana – “Sono rimasto sorpreso per questo accostamento, ma non c’è nulla di concreto. Non ho avuto nessun contatto diretto con la Casertana, ma sicuramente sarebbe una piazza che mi farebbe molto piacere, una realtà dal grande blasone e una società davvero molto ambiziosa.”

Mondiali – “In base ai miei valori vedo la Francia favorita insieme alla Spagna.”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.