A caccia di talenti – Dominik Szoboszlai: il faro d’Ungheria

Ungherese, classe 2000, Dominik Szoboszlai è uno dei talenti della nuova generazione del calcio. Cresciuto calcisticamente nel Salisburgo, nel 2017 esordisce in Erste Liga con il suo club satellite, il Liefering. Le 16 reti in 42 presenze gli valgono la chiamata dal club maggiore dove, fino ad oggi, ha raccolto 13 centri in 56 apparizioni.

Dominik Szoboszlai, la scheda

I numeri non raccontano tutto. Szoboslai, infatti, più del goal, che non disdegna, fa della tecnica e della visione di gioco le sue caratteristiche principali che, unite al suo dinamismo e alla facilità di passaggio, lo rendono un centrocampista moderno a tutto tondo. Inoltre, grazie ai suoi 186 centimetri di altezza e ad un fisico compatto, ma non pesante, riesce ad imporsi tra le maglie avversarie arrivando spesso alla conclusione o al passaggio chiave col suo destro.

Regista, può giocare sia in mediana sia più vicino alla porta, in un ruolo a metà tra la mezzala e il trequartista, dove per caratteristiche riesce ad esprimersi meglio. Può essere utilizzato anche sugli esterni dove, però, risente di mancanza di esplosività nella corsa che, in un campionato più ostico, potrebbe creargli qualche problema.

La valutazione del ragazzo, da parte del Salisburgo, è di circa 25 milioni. I sondaggi fatti sono stati diversi, anche da squadre italiane. Milan su tutte, alla ricerca disperata di un faro per la prossima stagione. Oltre i rossoneri, anche Napoli e Lazio si sono interessate al ragazzo, con i biancocelesti di Simone Inzaghi forse i più adatti ad accogliere e valorizzare il classe 2000.

Antonio Di Martino

Studente di Economia Aziendale, diplomato in ragioneria, con la passione per il calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.