Chilese a ZC: “La nostra forza è stato di credere nel nostro gruppo anche nei momenti difficili. L’Arzignano si farà trovare pronto per la Serie C, Serafini è un figlio per me. Di Donato ci ha dato tantissimo”

L’Azignano Valchiampo ha dimostrato di essere una delle realtà emergenti del nostro calcio, guadagnandosi attraverso la programmazione e la pianificazione il meritato arrivo in Serie C, grazie alla presenza di una figura imprescindibile per questo progetto, il presidente Lino Chilese, che ha permesso  attraverso le sue idee innovative e la sua profonda passione per questo sport a questa realtà di imporsi nel calcio professionistico.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto il presidente dell’Arizgnano, Lino Chilese, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla promozione in C della sua creatura, sulle sue sensazioni e su tanto altro, ecco quanto emerso:

Prospettive iniziali – “Ad inizio anno si puntava a fare un buon campionato e di entrare nei piazzamenti play-off.”

Risultato sportivo – “Abbiamo ottenuto un grande risultato sportivo, facendo le scelte giuste soprattutto nel mese di dicembre, non snaturando la squadra nel momento di difficoltà, e soprattutto valorizzando lo spogliatoio, e dando dimostrazione di essere un gruppo unito e compatto.”

Di Donato – “Il nostro motto è rimanere sempre umili e con i piedi ben saldi a terra, l’anno scorso avevamo confermato Italiano poi il tecnico ha fatto altre scelte puntando al professionismo. Di Donato ci ha dato tantissimo, ma dietro ai suoi ottimi risultati, vi è una società che l’ha messo nelle migliori condizioni di esprimersi. Di Donato ed Italiano si sono dimostrati due tecnici emergenti e bravi ma credo che entrambi devono tanto all’Arzignano che ha permesso a loro di mettersi in mostra.”

Serafini – “Mattia(Serafini) lo considero un figlio, l’ho conosciuto quattro anni fa quando già si cimentava nelle vesti di direttore nel  club di prima categoria nel paese in cui lavoro. C’è stata subito una grande sintonia, perchè siamo entrambi dei malati di calcio, ma soprattutto abbiamo delle idee affini, visto che anche lui punta prima sul valore dell’uomo e poi su quello del professionista.”

Serie C – “Non è facile sostenersi in Serie C, visto quanto sta accadendo negli ultimi anni in questa categoria, in tal senso ci dovrebbe essere una maggiore attenzione su queste situazioni. Ci faremo trovare pronti all’appuntamento, difatti stiamo già operando degli interventi sul piano societario, e cercheremo attraverso il nostro budget di allestire una rosa all’altezza delle aspettative.”

Lavorare con i giovani – “Già siamo stati a Firenze con i nostri commercialisti e il nostro segretario per addentrarci nel mondo C, stiamo scegliendo le persone giuste, come dimostra la nostra scelta di un puntare su un giovane direttore generale. Difatti mi piace lavorare con persone giovani competenti e professionali.”

Maldonado – “Con Maldonado ho un rapporto speciale, come con gran parte dei miei ragazzi, ha dimostrato di possedere qualità importanti, e la società gli ha permesso di crescere con calma. Quest’anno ha rinunciato al Modena e al Mantova e la sua scelta è stata premiata.”

La società – “Quattro anni fa ci fu la fusione tra Arzignano e Valchiampo, io e il presidente Lorenzi pensammo che era giusto puntare sul nostro territorio, cercando 200 partner, che ci hanno permesso di creare una società solida e seria. Adesso siamo ad un’altra fase della nostra storia, visto che si punta a creare una s.p.a, con un 49% costituito da azionariato popolare.”

Momento chiave – “Il momento chiave è stata sicuramente quando insieme abbiamo superato le nostre difficoltà, operando in sintonia e senza stravolgere nulla, credo che però la vittoria con il Trento all’andata sia stata determinante.”

Calciatori – “Mi sono sempre piaciuti i giocatori che danno l’anima in campo, che mangiano l’erba, e soprattutto che riescono a sopperire il talento con altre qualità umane e sportive, credo che questo deve essere il diktat dei calciatori dell’Arzignano.”

Fontefoto: Arzignano Valchiampo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.