Giorico a ZC: “La Virtus Verona ha creduto ciecamente in me, Fresco persona eccezionale. Abbiamo ottenuto una grande vittoria con il Vicenza, Crespo è stato un tecnico importante”

Daniele Giorico è un centrocampista dalle grandi doti tecniche che ha deciso di rimettersi in gioco, scendendo di categoria e cercando di dare il suo grosso contributo alla causa della Virtus Verona, che si affida anche al suo talento per raggiungere una meritata salvezza. In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Daniele Giorico il quale ai nostri microfoni si è soffermato sul campionato della Virtus Verona, sulle sue sensazioni personali e su tanto altro.

Virtus Verona – “Ho scelto la Virtus Verona per dimostrare il mio valore, dopo l’esperienza di Carpi che non è stata per tanti aspetti propriamente positiva, sentivo la necessità di rimettermi in gioco, e ritornare ai livelli di Modena. Questa società mi ha cercato con grande insistenza, riponendo tanta fiducia nei miei confronti.”

La società – “E’ una società che opera nel migliore dei modi possibili, in maniera attenta ed oculata, un esempio virtuoso che merita sicuramente la categoria.”

Vittoria con il Vicenza – “E’ stata una grande bella vittoria contro una squadra attrezzata per fare un altro campionato. Abbiamo ottenuto tre punti dimostrando di essere un gruppo unito, che sta dando l’anima per raggiungere la salvezza.”

Vis Pesaro – “Sicuramente sarà una partita ostica, contro una compagine che ha voglia di riscattarsi dopo alcuni risultati negativi. In panchina possono contare su un ottimo tecnico come Colucci, che è una grandissima persona ed ho avuto modo di affrontarlo ai tempi di quando guidava la Reggiana. Dovremo scendere in campo con la stessa concentrazione e determinazione mostrata contro il Vicenza.”

Fresco – “E’ davvero una persona eccezionale, oltre ad essere un tecnico competente e preparato, ci mette tutti a nostro agio.”

Crespo – “Crespo è stato personalmente un allenatore che mi ha dato tanto, avendo fiducia nelle mie capacità, in una stagione particolare in cui retrocedemmo all’ultima giornata. La sua umiltà e la sua capacità di dialogare con i suoi ragazzi è un fattore che contraddistingue unicamente i grandi campioni.”

Cagliari – “E’ stata un’immensa gioia poter esordire con la maglia del Cagliari, soprattutto per un ragazzo sardo che vede in questi colori un punto d’arrivo.”

Idoli – “Mio padre è un tifoso interista e da piccolo mi ha fatto appassionare a Ronaldo “Il fenomeno”, inoltre ho sempre ammirato Zidane.”

Corsa alla salvezza – “Sicuramente la rincorsa alla salvezza è davvero ardua, visto che si sono tante compagini di livello invischiate, sicuramente l’Albinoleffe ha dimostrato di avere un qualcosa in più e di non meritare la posizione di classifica in cui si trovava.”

Fontefoto: usvirtusbv.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.