Gli infortuni più bizzarri della storia del pallone

Annualmente, si sa, assistiamo a decine e decine di stop per infortuni da parte dei componenti delle rose italiane e non, ma non sempre ne conosciamo le reali cause.

Quelli che stiamo per elencare sono incidenti particolarmente assurdi e bizzarri di diversi calciatori, che hanno pagato a caro prezzo delle loro disattenzioni.

1) Éver Banega

Un vero e proprio autoinvestimento. L’ex Inter, nel 2012, ha infatti dimenticato di inserire il freno a mano mentre faceva rifornimento. La sua vettura lo travolse fratturandogli tibia, caviglia, e perone, avendone poi per sei mesi.

2) José Santiago Cañizares

Il portiere spagnolo non prese parte ai Mondiali 2002 per via di un incredibile incidente domestico. Il giocatore si lesionò un tendine del piede a causa dei cocci di un dopobarba accidentalmente caduto per terra.

3) Darius Vassell

Della serie “non provateci a casa”. L’ex attaccante di Aston Villa e Manchester City, per curare una bolla nata sotto l’unghia dell’alluce, pensò bene di utilizzare un trapano. Risultato? Una grave infezione.

4) Darren Bent

L’ormai ex giocatore inglese, ai tempi del Tottenham dovette fermarsi per 8 settimane per una lezione al tendine della mano. Se la procurò affettando delle cipolle in cucina.

5) David Betty

Il classe ’68 fu protagonista di un assurdo incidente assieme al figlio. Quest’ultimo, infatti, investì il padre (mentre era girato di spalle) col suo triciclo: dei problemi al tendine d’Achille non gli fecero vedere il campo per un po’.

6) Pietro Anastasi

L’ex Juventus saltò il mondiale del 1970 per uno scherzo di pessimo gusto da parte del massaggiatore. Lo colpì al basso ventre con una asciugamano e il giocatore dovette operarsi al testicolo.

7) Marco Asensio

Nel settembre 2017 il classe 1996 dovette saltare una partita di Champions League per una depilazione finita male: un pelo della gamba si era infettato, impedendogli di correre senza fastidio.

8) Philippe Mexès

Ai tempi del Milan, il giocatore fu indisponibile per due partite a causa di una lampada abbronzante che gli procurò una forte infiammazione agli occhi.

9) Gonzalo Higuain

Appena arrivato al Napoli e travolto dalla bellezza di Capri, l’attaccante argentino si tuffò da una barca e non ebbe l’atterraggio voluto: finì su uno scoglio, causandosi due tagli e 8 punti di sutura.

10) Sébastien Frey

Quando il francese giocava nell’Inter, durante le sue vacanze estive si tuffò in una piscina semivuota, e la conseguenza fu un trauma cranico.

 

Caterina Pullia

Nata nel marzo 1999 a Lamezia Terme, studia "Comunicazione, tecnologie e culture digitali" all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Scrive di calcio e di Juventus, a cui è fortemente legata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.