Il bello del calcio: Juve Stabia-Benevento, il derby campano che sale in B

Sentitissimo come tutti gli altri derby della Campania, oggi parliamo di Juve Stabia–Benevento. Una rivalità che, come tante, ha le sue radici extra calcistiche ma che poi sfocia nel pieno sul campo. Non tantissime le sfide tra le due squadre, 12 totali, che vedono il Benevento in vantaggio con 4 vittorie a 3, mentre sono 5 i pareggi. Il primo derby risale alla stagione 99-00 e fu vinto 4-0 dalle Vespe. Per il primo successo del Benevento dobbiamo aspettare il 2008, anno in cui si ritrovarono in Lega Pro dopo tante stagioni in cui non si erano incontrati. Quello di sabato sarà invece il primo derby che si disputerà in Serie B, il palcoscenico principale degli incontri tra Juve Stabia e Benevento è stato infatti sempre la Serie C, tra cui le semifinali playoff della stagione 10-11 in cui ebbe la meglio la Juve Stabia nel doppio confronto.

Tra le due tifoserie non corre buon sangue, nonostante i derby principali per la Juve Stabia sono stati disputati contro Nocerina e Sorrento, mentre per il Benevento contro Salernitana ed Avellino, Vespe e Streghe non hanno un buon rapporto. Campanilismo e obiettivi sportivi la fanno da padrone in un derby che si accende sempre di più.

LE TIFOSERIE

Il tifo della Juve Stabia pone le sue radici nei primi anni sessanta e settanta e nel corso degli anni si evolve cambiando radicalmente con i vari gruppi che si susseguono uno dopo l’altro. I primi gruppi furono gli Ultras, i South Boys, le Brigate e i Fedayn, seguiti dai Boys, Lunatici, Teddy Swarm, Nucleo e Skonvolts Heads. A cavallo degli anni ottanta un brusco distacco dalla squadra, a seguito di vicende negative con la retrocessione al Campionato Interregionale, caratterizzò il tifo stabiese che però, in minor parte, rimase al seguito della squadra nonostante un campionato giocato a Scafati. Un altro storico gruppo nasce nel 1984 quando viene costruito il Romeo Menti, gli Swarm Supporters che per anni guidarono la Curva Sud e furono il fulcro del tifo della Juve Stabia. Il loro posto lo presero in futuro gli Ultras Stabia, che ancora oggi sono il principale riferimento della Curva Sud. Un particolare interessante riguarda inoltre il ritiro della maglia numero 12 per le stagioni 11-12 e 12-13 in onore della tifoseria della Curva Sud, che rappresenta il vero e proprio dodicesimo uomo in campo.

Tra i gemellaggi annoveriamo quello più importante, che è ricordato anche con uno dei gemellaggi più forti di tutta Italia, quello con il Siracusa. Il rapporto fraterno nasce nella stagione 78-79 quando Nicola De Simone, stabiese che militava nel Siracusa, a seguito di uno scontro di gioco cadde a terra e fu ricoverato in coma dove restò per 17 giorni prima di morire. Da quel giorno nacque la cosiddetta SiraStabia, un’unione di tifo per ricordare il calciatore ed omaggiare per sempre la sua memoria. Amicizia poi sfociata nel 2017 in rivalità, quella con la Casertana a seguito di screzi accesi ed irreparabili tra le due città in cui venne inoltre a mancare il reciproco rispetto. Rivalità importanti anche con Salernitana, Nocerina, Turris, Avellino, Sorrento, Paganese, Verona, Potenza, Catania, Brescia, Bari, Crotone e, come detto, con il Benevento.

Il tifo del Benevento, quinto in Campania e cinquantesimo in Italia, si riunisce nella Curva Sud del Ciro Vigorito ed ha la sua storia che parte dagli anni settanta. Il primo storico gruppo fu quello del Commando Ultrà Curva Sud che viene accompagnato nel corso degli anni dalla formazione di altri gruppi a popolare il tifo beneventano. Altri settori di tifo comprendono i distinti, con il Club Shanghai e gli Ultras Cani Sciolti e i Salta Salta lo Stregò che popolano la Curva Nord. Il tifo del Benevento si estende anche al Nord Italia con Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna che vantando tifosi giallorossi. Un gruppo ultras, quello del Club Stregoni del Nord è inoltre stato riconosciuto come primo club ufficiale al di fuori della Campania, fondato a Legnano più di dieci anni fa.

Tra i vari gemellaggi vediamo quello con i tifosi della Salernitana, nonostante l’acceso derby che continua a dare spettacolo sul campo, le due tifoserie spesso organizzano eventi benefici, con Acireale, Catania, Pro Vercelli e Lecce. Il principale gemellaggio è stato però rappresentato con i tifosi del Savoia, sciolto nel 2016 ma durato più di venticinque anni. Al di fuori della Campania le rivalità sono con Crotone, Catanzaro, Messina, Foggia, Bari, Taranto, Monopoli, Frosinone. In Campania abbiamo già visto come non corre buon sangue con i tifosi di Avellino, Nocerina, Casertana, Cavese e proprio Juve Stabia.

Giancarlo Labate

Nato a Reggio Calabria nel 1998, studente di Scienze Politiche e grande appassionato di calcio. Sogno di diventare giornalista sportivo per raccontare le mie passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.