Il bello del calcio, Livorno-Pisa: il derby che accende la Toscana

Un derby acceso e protagonista in Toscana è quello tra Livorno e Pisa. Una rivalità campanilistica tra le due città toscane che sfocia sul campo di calcio in uno dei derby di categoria minore più sentito ed acceso. Una delle prime sfide risale agli anni ’20, con la massima espansione sempre in quelle stagioni come finale del centro-sud nel campionato di Prima Categoria dell’epoca.

Un derby giocato perlopiù in Serie B, con altre sfide disputatesi in Serie C, conta 48 incontri ufficiali nei quali prevale il Livorno con 23 vittorie. Soltanto 9 quelle del Pisa, con 16 pareggi. Anche il computo delle reti è a favore dei Labronici, con 56 a 31. L’ultima gara è stata giocata lo scorso 26 ottobre per la nona giornata del campionato di Serie B, decisa da un autogol di Benedetti del Pisa che ha determinato l’1-0 del Livorno. Una grande soddisfazione per il Livorno aver vinto il derby nonostante l’ultimo posto in classifica occupato con 11 punti. Il Pisa invece se la passa decisamente meglio, al nono posto in piena corsa playoff con 20 punti.

LE TIFOSERIE

Il tifo del Livorno staziona prevalentemente in Curva Nord. La nascita del primo gruppo risale al 1974, la “Fossa” che diventa dopo poco tempo gli “Ultras Fossa”. Il gruppo principale però è stato quello delle Brigate Autonome Livornesi (BAL), che nasce nel 1999 dall’unione tra i Fedayn, i Magenta, gli Sbandati e il Gruppo Autonomo. Gli unici a non partecipare ad una centralizzazione del tifo sono i Nortk Kaos e gli Ultras che si scioglieranno non molto tempo dopo. Quello delle BAL è stato un gruppo ultras molto controverso e con un’ideologia comunista. Tra gli episodi principali ricordiamo uno striscione che inneggiava alle foibe in una partita contro la Triestina ed i fischi durante il minuto di silenzio in onore delle vittime della strage di Nassiriya. Lo scioglimento risale al 2003 dopo anni di provvedimenti, tra cui i 500 daspo in una sola stagione. La tifoseria livornese ha risentito abbastanza delle nuove norme degli stadi che ha letteralmente diminuito la presenza in una curva che non sembra più calorosa come una volta.

Il tifo del Pisa vede diversi gruppi protagonisti nella Curva Nord “Maurizio Alberti”, dedicata ad un tifoso morto a causa di un arresto cardiaco durante una trasferta a La Spezia. I principali gruppi sono gli Svitati, i Wanderers, gli Sconvolts, i Rangers e i Kapovolti. Prima di questi si sono fatti notare gli ultras del gruppo della Fossa, che è durato però soltanto un paio di anni. Tra le principali rivalità c’è quella con il Livorno che è antichissima e risale al 1200 quando la flotta pisana fu sconfitta da quella genovese al largo di Livorno che all’epoca era il porto pisano, con il porto di Livorno che qualche secolo dopo divenne quello principale della Toscana. Oltre a questo campanilismo cittadino, che fece fallire diversi tentativi di unione delle due città, esiste una profonda rivalità calcistica. Negli ultimi anni si è ritrovata per giocare il derby che spesso purtroppo ha scaturito scontri anche piuttosto accesi.

Giancarlo Labate

Nato a Reggio Calabria nel 1998, studente di Scienze Politiche e grande appassionato di calcio. Sogno di diventare giornalista sportivo per raccontare le mie passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.