“La voce della Reggina”, dopo il buio arriva la luce: gli amaranto ruggiscono a Bisceglie con una grande rimonta

Sarebbe stata una mazzata, un campionato riaperto ed un tracollo psicologico non indifferente. Un’altra sconfitta, la seconda consecutiva, avrebbe portato a tutto questo. Un rischio enorme che la Reggina non poteva e non doveva correre, cercando in tutti i modi di evitare la sconfitta e così è stato. Il pomeriggio di Bisceglie, più faticoso del previsto per gli amaranto, dà ancor di più la consapevolezza di una rosa forte e ben organizzata, che può cambiare le sorti delle partite anche e soprattutto quando si mettono male.

Una vittoria in rimonta per dimostrare la propria forza

Al Ventura è andata proprio così. Dopo un primo tempo disastroso dal punto di vista del gioco e dal punto di vista fisico, con i padroni di casa che passano in vantaggio con un gol di Ebagua dal limite e si impongono per tutti i primi 45′ cercando anche di raddoppiare. Nella ripresa Toscano cambia i suoi e dà la definitiva scossa alla gara. Reginaldo, Denis, Bellomo e Nielsen, esclusi dai titolari, mettono in atto tutta la propria esperienza e classe ribaltando completamente la partita.

Nel secondo tempo infatti la Reggina riesce a far vedere la propria qualità in un terreno di gioco non in condizioni ottimali e soprattutto dopo un primo tempo praticamente non giocato. Al 64′ la grande occasione per pareggiare capita a Corazza dal dischetto. Il bomber amaranto però, spiazzando il portiere, calcia sulla traversa e fallisce il possibile rigore dell’1-1.

La Reggina comunque continua a premere per evitare la seconda sconfitta consecutiva e i ragazzi di Toscano vengono premiati all’88’ sugli sviluppi di un corner. Denis al centro dell’area fa la torre per Loiacono che di testa batte Borghetto e firma l’1-1. Un pareggio importante che sembrava potesse avere il sapore di una vittoria. Gli amaranto però non mollano mai e nei minuti di recupero conquistano un altro calcio di rigore che vale anche il rosso per Diallo. Questa volta sul dischetto va Denis che con tutta la freddezza del mondo spiazza il portiere e regala alla Reggina una vittoria insperata che vale, per come è arrivata, molto di più dei tre punti in palio.

Una vittoria sudata e sofferta che permette di mantenere un discreto vantaggio (9 punti) su Bari e Ternana che hanno vinto e che non aspettano altro che sfruttare ogni minimo passo falso della squadra di Toscano. Dopo due trasferte consecutive ora sarà tempo di affrontare due gare tra le mura amiche del Granillo, a cominciare da mercoledì quando arriverà la Virtus Francavilla ma soprattutto domenica quando già, contro il Bari, ci sarà in gioco un bel pezzo di campionato.

Giancarlo Labate

Nato a Reggio Calabria nel 1998, studente di Scienze Politiche e grande appassionato di calcio. Sogno di diventare giornalista sportivo per raccontare le mie passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.