“La voce della Reggina”, tris alla Paganese che vale il +8: ora testa al derby

Tripudio amaranto al Granillo, tre gol della Reggina che archivia la pratica Paganese e si porta a +8 sul Bari. Succede tutto nel secondo tempo, una doppietta di Denis e un gol di Rubin valgono il 3-0 finale ed il consolidamento del primato.

In vista del derby di mercoledì con il Catanzaro, Toscano opta per un turnover moderato. Garufo torna titolare sulla fascia destra dopo l’infortunio, mentre dall’altra parte c’è Rubin al posto di Rolando non al meglio. Anche Bertoncini, complice la squalifica di Gasparetto, rientra dal 1′ al centro della difesa. La scelta più sorprendente però è in attacco. Già privo di Corazza, fuori per infortunio, il tecnico amaranto decide di lasciare in panchina anche German Denis, scegliendo un tandem leggero formato da Reginaldo e Rivas.

LA PARTITA

La prima frazione non ha molti sussulti, al quarto d’ora Reginaldo recupera un pallone in area e cerca di metterlo in mezzo, un difensore ospite la tocca di mano ma per l’arbitro non c’è nulla. Veementi le proteste amaranto che assistono ad un episodio simile a quello di una settimana fa a Catania con lo stesso esito. Proteste ed attimi ancora più concitati sul finire della frazione, quando su un calcio di punizione di Bellomo la palla arriva a Rivas che di testa segna il gol dell’1-0. Il guardalinee però sbandiera il fuorigioco, cambiando la decisione dell’arbitro che aveva assegnato il gol e scatenando l’ira degli amaranto che lamentavano un tocco di testa di Diop che, essendo una giocata, annullava la sospetta posizione di offside di Rivas. Dopo diversi minuti di recupero dovuti alle proteste che hanno portato anche a qualche cartellino, si chiude il primo tempo.

Nella ripresa Toscano si gioca la carta Denis, una scelta che lo ripaga quasi subito. Il Tanque infatti impiega soltanto tre minuti a segnare il gol del vantaggio. Questa volta l’arbitro concede il rigore alla Reggina per una spinta proprio sul numero 19. Denis si incarica della battuta e spacca la porta per l’undicesimo gol stagionale. Qualche minuto dopo, un’incursione di Garufo dalla destra propizia il gol del raddoppio. L’esterno con un tiro cross mette in mezzo, Baiocco respinge male e Rubin a porta sguarnita dopo un goffo intervento di un difensore firma il primo gol con la maglia della Reggina.

Al 55′ arriva anche un’espulsione per la Paganese. Perri si invola verso Guarna che lo anticipa ma subisce un fallo di reazione da parte del centrocampista che si guadagna il secondo giallo e lascia i suoi in 10 uomini. La Reggina con l’uomo in più si limita a gestire il doppio vantaggio e le energie in vista della sfida di mercoledì. A cinque minuti dalla fine c’è tempo anche per il tris che completa la festa. E’ ancora Denis a timbrare il cartellino dopo l’assist di Sounas, protagonista di una discesa sulla destra da applausi.

La Reggina sale dunque a quota 63 punti in classifica allungando sul Bari che ha pareggiato sul campo della Cavese. Adesso testa al derby con il Catanzaro e alla partita con il Monopoli di domenica prossima un altro, ennesimo, crocevia importante della stagione per conquistare finalmente l’obiettivo promozione.

Giancarlo Labate

Nato a Reggio Calabria nel 1998, studente di Scienze Politiche e grande appassionato di calcio. Sogno di diventare giornalista sportivo per raccontare le mie passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.