Mario Prezioso a ZC: “Felice di far parte della Vibonese, voglio dimostrare il mio valore. Milik un ragazzo speciale, Benitez grande tecnico. Francavilla mi ha fatto crescere”

Mario Prezioso è uno dei colpi del mercato della Vibonese, che ha tanta voglia di stupire in questo suo ritorno in Serie C. Il calciatore, prodotto del vivaio del Napoli, ha come obiettivo di ripartire e di dimostrare il suo immenso valore, per tali motivi ha deciso di abbracciare il progetto del club calabrese, dove sicuramente il ragazzo troverà l’ambiente ideale per la sua definitiva consacrazione nel calcio che conta. In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Mario Prezioso, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla sue aspettative future, sulla scelta Vibonese e su tanto altro.

Vibonese – “Sono molto contento di essere arrivato alla Vibonese, ringrazio in particolare modo il direttore Lo Schiavo per la fiducia dimostrata nei miei confronti. Questa società mi ha fatto sentire immediatamente il proprio calore e di ciò ne sono davvero entusiasta.” 

Napoli – “Al Napoli sono arrivato dopo aver fatto la primavera dell’Empoli, è stata un’esperienza importante visto che ho avuto la possibilità di crescere ulteriormente nel settore giovanile partenopeo, conoscendo una grande persona oltre che un tecnico preparato come mister Saurini.”

Rafa Benitez – “E’ stato un onore potersi allenare con Benitez, un tecnico dalle grandi idee che era sempre disponibile con i più giovani. Inoltre tutti i campioni del Napoli erano prodighi di consigli nei nostri confronti.”

Milik – “Con il campione polacco ho creato un bel rapporto, visto che abbiamo lavorato insieme in riabilitazione, dopo i brutti infortuni che abbiamo subito. Milik è un ragazzo di cuore, sempre pronto a sollevarti con parole incoraggianti, gli auguro una grande stagione.”

Società – “Mi ha piacevolmente sorpreso il livello di organizzazione e di serietà della Vibonese, qui davvero non ci manca nulla. E’ davvero importante per potersi esprimere in una realtà così virtuosa, visto quanto sta accadendo nel nostro calcio.”

Under – “Nonostante sia un under, credo che nel calcio debba giocare chi merita. E’ importante che i calciatoeri esprimano il proprio valore nella categoria di appartenenza.”

Virtus Francavilla – “E’ stata un’esperienza fantastica dove realmente ho trovato una famiglia, considerato che ero reduce da una stagione difficile tra Melfi e Teramo, e di questo sono particolarmente grato al presidente Magrì e ai direttori di allora Donatiello e Trinchera. Ho potuto giocare con grande continuità, trovando per giunta due reti nelle vittorie nei derby contro Taranto e Lecce.”

Calabro -“E’ un tecnico che mi ha fatto crescere su tanti aspetti, con lui alla Virtus ho fatto una grande stagione, lo stesso mi ha voluto in B a Carpi.”

Idoli – “Il mio idolo era Kakà, un grandissimo campione dentro e fuori dal campo, mentre attualmente ammiro Messi il numero uno.”

Obiettivi – “Voglio fare un grande stagione, mettendomi a disposizione della squadra e del tecnico, ripagare la fiducia della Vibonese e soprattutto dimostrare il mio valore dopo un’annata complessa. Spero che questo campionato mi dia la possibilità di ritornare in B, lega in cui per vari motivi non ho ancora dato prova delle mie qualità.”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.