Musacci a ZC: “Ho bisogno di un mese per recuperare, scelta presa in comune accordo con la Paganese. Una volta pienamente guarito vorrei reindossare questa maglia”

Gianluca Musacci è un grande professionista e ne ha dato l’ennesima dimostrazione nella sua lunga carriera, decidendo di rescindere il suo contratto assieme alla Paganese, in attesa di rientrare da un infortunio che sicuramente non fermerà il centrocampista, che a breve sarà pronto per dare il suo apporto a chi scommetterà sulle sue indubbie qualità umane e professionali.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Gianluca Musacci, il quale ai nostri microfoni si è soffermato su quanto accaduto, sulle sue motivazioni e sull’importante legame comunque creato con la Paganese.

Entità dell’infortunio – “Gli esami che ho compiuto non mi hanno permesso di determinare la reale identità del mio infortunio. Purtroppo tali accertamenti escludevano lesioni muscolari nonostante io sentissi un costante e forte dolore al polpaccio. Difatti in allenamento percepivo che qualcosa che non andava come del resto si era accorto di tale situazione lo staff della Paganese. Con gli ultimi accertamenti da me svolti si è definitivamente chiarito che si tratta di una lesione di secondo grado del soleo recuperabile in un mese.”

Decisione – “Il presidente Trapani si è preoccupato della mia situazione, ha capito la mia vicenda e difatti ci siamo sentiti in questi giorni. Insieme allo stesso presidente ho deciso di rescindere il contratto, così da poter in qualche modo contribuire al bene della Paganese, visto che in questo momento non potrei essere comunque utile alla causa.”

Pronto – “Adesso ho intenzione di recuperare il tempo perso, e rimettermi il prima possibile così nei tempi stabiliti, e se la Paganese vorrà, sarò pronto a rientrare visto che nella mia carriera non ho mai lasciato nulla di intentato.” 

Paganese – “Sono venuto a Pagani, consapevole del valore di questo club, e soprattutto con uno dei presidenti più longevi del calcio italiano. Sono contento di aver conosciuto delle ottime persone, con il quale ho creato legami importanti.” 

Fusco – “Mister Fusco è un tecnico davvero preparato, che ha una pazienza infinita e credo stia gestendo nel migliore modo possibile i tanti giovani che dovranno crescere in fretta.”

Il punto di forza – “Sicuramente il punto di forza è la società che in tanti anni ha fatto maturare tanti ragazzi, e sono convinto che a gennaio l’esperienza dei dirigenti della Paganese farà la differenza.”

Scarpa e Cesaretti – “Ciccio sta dando il massimo, è un vero esempio per tutti coloro che vogliono imporsi in questo calcio. Sono convinto che presto Cesaretti si sbloccherà, questo centravanti è troppo importante per la Paganese.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.