“Il risveglio del Diavolo”- Vol.14- Pareggio con vista derby

Il Renate bloccato dal Teramo, che sfiora anche la vittoria

Come si dice in questi casi, “non era questa la gara da vincere“. Il Teramo, nonostante tutto, ha rischiato anche di portare a casa 3 punti dalla trasferta del “Città di Meda“. Era prevedibile una prova d’orgoglio dopo il ko con il Gubbio, la squadra di Asta non teme mai nessuno.

È vero, il Renate ha avuto le sue buone opportunità, ma ha dovuto fare i conti con la giornata decisamente positiva di Calore. Si è vista una cattiveria crescente degli attaccanti biancorossi, con almeno due conclusioni insidiose a testa di Tulli e Foggia. Non è ancora abbastanza, per vincere servono i gol, non bastano gli 0-0.

Dicevamo, far punti a Renate è tanto. Merito, oltre che del portiere abruzzese, anche della fase difensiva, con Speranza su tutti ad imporre la sua forza fisica. Continua il momento positivo di Ventola, mentre il centrocampo, seppur non al meglio, è parso più compatto. Ottimo ingresso per Graziano, ex di turno, anche vicino al gol.

C’è molta curiosità intorno a Stefano Amadio, con i tifosi biancorossi che sperano di rivederlo al più presto in campo. Questo Teramo lotta, come sempre. È l’aspetto che più conta. Adesso, però, l’attenzione di tutti è rivolta al derby con la Sambenedettese di Capuano.

I ricordi tornano, inevitabilmente, all’ultimo scontro con i marchigiani in Abruzzo. Era un Diavolo ben diverso, più in difficoltà e che era chiamato a rialzarsi dopo un cammino tutt’altro che esaltante. C’è un fattore in comune con allora, l’assoluta necessità di vincere. Un campionato fa finì 2-1 con il gol vittoria di capitan Speranza. 

Dopo Renate, il cammino verso la salvezza prosegue, è ora di iniziare a vincere in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.