Stendardo a ZC: “Ho scelto la Paganese per la presenza di un grande presidente come Trapani. De Sanzo l’uomo in più, ci sono tutti i presupposti per salvarci”

Per la rincorsa alla salvezza la Paganese ha deciso di affidarsi all’esperienza di Mariano Stendardo, difensore di grande valore che potrà dare il suo apporto dentro e fuori dal campo.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Mariano Stendardo, il quale si è soffermato sulla scelta Paganese, sul campionato e su tanto altro.

La scelta – “Ho scelto Pagani per la presenza del presidente Trapani che in 13 anni ha fatto cose egregie con questo club. Inoltre mi sono sempre piaciute le sfide e ci sono tutti i presupposti per raggiungere la salvezza. Abbiamo perso con il Potenza una partita rocambolesca, in questo momento noi, veterani, dobbiamo trascinare i giovani.”

Condizione – “La scorsa ho avuto un piccolo problema muscolare che ha convinto De Sanzo a non rischiarmi nella sfida contro il Potenza, è stato un vero dispiacere per non aver potuto dare il mio contributo e soprattutto in questa non avevo ancora avuto complicazioni del genere.”

Catanzaro – “Conosco Auteri, è uno dei migliori tecnici dal punto di vista tattico. Le partite come quelle contro il Catanzaro si preparano da sole. Dobbiamo scendere in campo mostrando sempre l’atteggiamento giusto ed in parte questo ci è mancato nella sfida contro il Potenza.”

De Sanzo – “È il nostro uomo in più, è una persona pratica e molto esperta che potrà darci una grossa mano.”

Stagione – “La mia, per il momento, è stata una stagione particolare, visto che ho dovuto lasciare Matera nonostante gli sforzi e sacrifici compiuti, dispiace in particolare per i miei ex tifosi che hanno capito la situazione. La Paganese è un ambiente sereno, dove vi è una dirigenza longeva che non fa mai mancare nulla ai propri tesserati.”

Tecnici – “Con tutti i miei tecnici ho instaurato ottimi rapporti, ma sinceramente ho avuto un’annata splendida ad Andria con mister D’Angelo.”
 
Giovani – “Sono stato fortunato a far parte del settore giovanile del Napoli e a esordire con la maglia azzurra nel calcio professionistico, confrontandomi con tanti campioni. Spero, adesso, di essere un esempio per i tanti giovani che hanno l’opportunità attraverso i vari obblighi di potersi mettere in mostra in Serie C, solo attraverso il sacrificio e lo spirito di abnegazione si possono raggiungere grandi risultati.”

Blanc – “Laurent Blanc è stato un punto di riferimento, mi rispecchiavo nel suo modo di interpretare il ruolo.”

Il pubblico – “Spero che i tifosi comprendano il loro essere fondamentali per noi, ci dispiace di non aver ottenuto i tre punti dinanzi a loro ma abbiamo voglia di rifarci. Il nostro pubblico deve essere l’arma in più, confidiamo in loro.”

Fontefoto: archivio paganese calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.